Empoli, Giampaolo: “E’ ora di tornare a vincere”

Empoli, Giampaolo: "E' ora di tornare a vincere"Marco Giampaolo (agf)  EMPOLI – “E’ ora di tornare a vincere”. L’astinenza che dura da 6 turni sta iniziando a pesare a Marco Giampaolo. Il suo Empoli in teoria è al riparo da ogni rischio ma la sconfitta con il Frosinone, che ha portato a 12 punti la zona retrocessione non lascia del tutto tranquillo il tecnico azzurro. Ecco, perché, contro il Sassuolo punta a ritrovare i tre punti, sinonimo di serenità. “La cosa che non dovrà mancare contro il Sassuolo è il temperamento”, sottolinea. “Nel girone di ritorno abbiamo fatto due buoni pareggi contro Milan e Udinese, abbiamo perso contro una grande squadra come il Napoli. L’unico passo falso è stato col Frosinone. Più che ai tre punti di solito guardo alla prestazione. Certo è che una vittoria metterebbe a posto tante cose…”.

SERVE UNA GARA DI SACRIFICIO – Nel Sassuolo Giampaolo un po’ rivede il suo Empoli. “Per certi versi, in effetti, sono due squadre che si somigliano. Non hanno lo stesso budget, ma comunque la stessa qualità di calciatori. Per dare un giudizio sulla qualità dei campionati però bisogna aspettare sempre la fine della stagione. Il Sassuolo e’ una squadra che gioca bene, dietro c’è un club che programma, che ha continuità. Ha buone idee e buone individualità, è guidato da un allenatore bravo che è lì da 5-6 anni. Se lo trovi in un giorno brillante ti fa soffrire. Per questo dovremo fare bene in fase di possesso e non possesso, dovremo avere spirito di sacrificio e collaborazione”.

LA VITTORIA ARRIVERA’ SE GIOCHEREMO BENE – Il tecnico azzurro, comunque, è fiducioso. “In settimana abbiamo lavorato bene. Abbiamo analizzato la partita di sabato scorso e siamo tutti convinti che sia stata una buona prestazione. Di negativo c’è stato solo il risultato. Rivedendo la partita la squadra ha fatto meglio di alcune volte in cui ha vinto, ma ha giocato peggio. Il calcio non è matematica e dobbiamo guardare nel medio- lungo periodo: è quello che dà valore alla qualità della squadra. Se si gioca con l’attenzione giusta, facendo una buona prestazione poi arrivano anche i risultati, la vittoria è il coronamento della prestazione”.

LIVAJA HA PAGATO, MA FINISCE TUTTO QUI – A Reggio Emilia il tecnico dovrà fare i conti con l’emergenza in difesa. “Camporese non è convocato, Ariaudo non sta bene e abbiamo anche Mario Rui squalificato. Abbiamo qualche problema ma questo non mi preoccupa. Sarà l’occasione giusta per vedere cose nuove, per dare un giudizio su chi fino ad adesso ha avuto meno spazio. Faremo di necessità virtu'”. Il tecnico azzurro chiude parlando anche del caso Livaja. Dopo lo sfogo nel corso del match col Frosinone l’attaccante non è stato convocato per la gara del Mapei Stadium. “Marco lo conosco da quando aveva 17 anni, non è un ragazzo cattivo, ma è un temperamentale. Con uno come lui ci puoi andare in guerra. Ha sbagliato e adesso pagherà con il nostro regolamento interno, ma poi finisce qui. Credo che nella difficoltà il calciatore vada sostenuto”.

empoli calcio

serie A
Protagonisti:
marco giampaolo

Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 232 volte