Viviani: “C’è una differenza tra Juve e Napoli. Zielinski? Ha solo un difetto”

FABIO VIVIANI, ex vice di Guidolin all’Udinese dal 2012 al 2014, nonchè vice di Reja ai tempi di Napoli, ha così parlato ai microfoni di Radio Punto Zero, nel corso della trasmissione Fuori Gara: “L’Udinese sta vivendo un periodo particolare, De Canio non tralascia nessun particolare in vista di domenica. È difficile capire il perché di una stagione così difficile da parte dell’Udinese, la squadra è di buona qualità, ci sono diversi giovani ma anche tanti giocatori esperti.
Il Napoli, nonostante la stagione straordinaria, è sotto la Juve ed è costretta a vincere sempre, dappertutto. Di sicuro il rendimento sarà sempre lo stesso. Purtroppo per loro la Juve è abituata a vincere. Allegri è più abituato ad avere così tanti Nazionali, Sarri è meno abituato ad avere assenze numerose. Ovviamente, noi tutti allenatori vorremmo avere sempre tutti a disposizione per avere la possibilità di controllare motivazione e condizione fisica. Allan ha una determinazione e una ferocia in allenamento per crescere ancora, sono contento per lui, è un ragazzo che merita, è giusto che ottenga questi risultati. Quando arrivò all’Udinese, Allan era stato preso come esterno di fascia, ciò significa che è anche molto duttile, crescerà ancora tanto.
Zielinski? Con me sfondate una porta aperta, ha esordito con me ad Udine, è un talento assoluto. È introverso, deve maturare, ma quest’anno ha fatto passi da gigante ad Empoli. È un giocatore tecnico al quale auguro un grande futuro. Forse bisogna aspettarlo dal punto di vista della personalità, di certo non delle qualità. A differenza di Hamsik non segna tantissimo, ma ha caratteristiche simili, ovviamente è più acerbo. Sarà importante per lui misurarsi con grandi campioni, il mio consiglio è di approdare subito in una big se ne ha la possibilità”. 

Commenti