Tra Parma e San Marino è un pareggio di rigore

Parma-San Marino 1-1

Marcatori: 54’(rig.) Olcese (SM), 78’ (rig.) Corapi (P)

Il Parma torna al Tardini per la 33ma giornata di campionato per cercare di fermare il periodo positivo del San Marino, seconda miglior difesa dietro ai ducali che arriva da dieci risultati utili consecutivi maturati negli ultimi due mesi e mezzo. Anche in Emilia si ricorda la scomparsa di Cesare Maldini, morto nella notte a 84 anni. L’ex campione del Milan e Ct della nazionale, allenò anche il Parma del presidente Ceresini dal 1978 al 1980, portandolo dalla serie C alla B. Minuto di silenzio e lutto al braccio per la squadra di Apolloni che contro i titani deve far a meno degli infortunati Giorgino, Simonetti, Saporetti e Mousa Balla e degli squalificati Lucarelli (oggi in curva con i tifosi) e Agrifogli.

L’allenatore gialloblù decide allora di affidarsi a Musetti per affiancare Yves Baraye nel tandem offensivo (al posto del solito Longobardi). Ed è proprio l’attaccante classe 1983 ad andare vicinissimo al gol del vantaggio dopo 15 minuti: solo il palo gli dice no. Il San Marino prova a farsi vedere con Olcese, ma è il Parma a fare la partita, anche se nella fase centrale del primo tempo succede poco o nulla. Fino al 36’ quando Ricci crossa per Lauria che però non arriva per la deviazione vincente. I gialloblù costruiscono tanto e spendono anche tante energie, ma i tiri in porta sono tutti scontati o poco precisi. Il San Marino è bravo a difendersi e il pareggio è quantomeno meritato.

Il secondo tempo si apre con Lauria che si divora un gol che vale come un rigore, ma spara incredibilmente alto. Il San Marino ringrazia e rende il favore con Olcese che, solo davanti a Zommers, spreca calciando sui piedi del portiere gialloblù. Ma il gol è nell’aria ed arriva al 9′ per il San Marino: rigore (fallo di Ricci su Baldazzi) che Olcese trasforma. Diciottesimo gol stagionale per l’esperto attaccante argentino classe 1983 arrivato sul Titano a luglio dopo aver vestito le maglie di Fidelis Andria,Teramo, Ancona, Rimini e Casertana. La risposta del Parma arriva al 18’: l’azione parte da Melandri, velo di Musetti per Baraye, ma il portiere del San Marino salva ancora il risultato. Apolloni corre ai ripari inserendo anche Guazzo e Mazzocchi, ma la porta rimane stregata. Alla mezzora Loiodice abbraccia Messina in area: rigore per il Parma che Corapi trasforma. Il Parma cerca la vittoria in tutti i modi, ma alla fine si accontenta del punto. Gialloblù sempre in vetta (79 punti), l’Altovicentino fa solo 2-2 con il Delta Rovigo, staccandosi di 9 punti dalla vetta. Per il San Marino c’è la conferma del quarto posto (60 punti), uno in meno del Forli, fermato in casa dall’Imolese.

Fonte: SkySport

Commenti

Questo articolo è stato letto 242 volte