Juve tritatutto, vince anche a Firenze. Scudetto a un soffio

FIORENTINA-JUVENTUS 1-2
39′ Mandzukic (J), 81′ Kalinic (F), 83′ Morata (J)

Tabellino – Pagelle

La Juve fa festa al Franchi, anche se la matematica non consente ai bianconeri di darsi alla pazza gioia con i festeggiamenti ufficiali. Allegri sapeva che lo Scudetto non poteva essere festeggiato a Firenze, ma si gode una vittoria che significa il momentaneo +12, in attesa di Roma-Napoli. Con un successo all’Olimpico la squadra di Sarri può solo riportarsi a 9 distanze, ma un pareggio del Napoli nel Monday Night assegnerebbe lo Scudetto ai bianconeri con tre giornate di anticipo.

Il successo viene preparato nel primo tempo. Ai padroni di casa non viene convalidata una rete di Bernardeschi, per posizione di fuorigioco sul passaggio di Ilicic. Nel finale del primo tempo, però, l’assist di Pogba per Mandzukic, lasciato solo in mezzo all’area, sblocca il risultato. Decimo gol in campionato per Mario Mandzukic, che con la quarta rete nelle ultime cinque giornate va in doppia cifra nella classifica marcatori.

Nel secondo tempo Pogba da una parte e Kalinic dall’altra vanno vicino al gol. Da annotare la notizia del primo cartellino giallo rimediato in Serie A da Rugani, al 72′. Dai tempi dell’Empoli, con Sarri allenatore, non era mai accaduto, nonostante avesse giocato tutte le partite, a differenza di quest’anno in cui è stato impiegato da Allegri con costanza soltanto dopo l’infortunio di Chiellini (stagione finita, si è rifatto male in allenamento).
La partita si accende con un bellissimo gol di Kalinic all’81’: errore fatale di Bonucci che perde palla sul pressing di Zarate, palla a Kalinic e destro a giro imparabile dal limite. Ma l’illusione dei viola (e dei napoletani) dura pochissimo. Due minuti dopo, Alvaro Morata, appena entrato, ribatte a rete un salvataggio sulla linea di Badelj e segna il gol-scudetto. Ma se c’è un gol-scudetto, Buffon non vuole essere da meno e decide di parare il rigore-scudetto. Al 90′, Kalinic si presenta sul dischetto per calciare un penalty che il croato si procura con astuzia (simulazione su presunto fallo di Cuadrado), ma le manone di Buffon gli negano il pareggio. Che in pieno recupero viene negato anche dalla traversa, quando ancora Kalinic a pochi centimetri dalla porta centra il legno. 

Finisce 2-1 per i bianconeri. Continua l’impressionante striscia positiva della squadra di Allegri, che in Serie A non perde da 25 partite: dalla sconfitta dello scorso 28 ottobre contro il Sassuolo, la Juventus ha guadagnato 73 punti su 75 disponibili.

Fonte: SkySport

Commenti

Questo articolo è stato letto 200 volte