Hamsik taglia un traguardo storico: 400 in azzurro

Contro la Roma raggiungerà un traguardo storico, di quelli che centrano solo le bandiere e Marek Hamsik per Napoli rappresenta una bandiera eccome. Arrivato nel lontano 2007 insieme a Lavezzi grazie un’operazione firmata Pierpaolo Marino, il centrocampista slovacco giocherà all’Olimpico oggi la sua 400esima gara con la maglia del Napoli addosso. Era appena 20enne Hamsik quando scelse il club di De Laurentiis dopo una grande stagione con la maglia del Brescia in Serie B. Da lì in poi, in Serie A, Marek Hamsik ha giocato solo all’ombra del Vesuvio. Il suo sogno è chiudere la carriera in azzurro, con quella stessa squadra che ha assistito ai falsi baci sulle maglie e alle partenze di idoli come Lavezzi, Cavani o Quagliarella. Sono 399 le presenze collezionate dallo slovacco a Napoli e, in caso di gol, con 98 reti complessive, supererebbe Josè Altafini al quinto posto tra i bomber di sempre in casa partenopea. Salirebbe anche a quota 81 per gol in campionato, agganciando Diego Armando Maradona al secondo posto assoluto. Una storia e un legame bellissimo quello di Hamsik con Napoli. Un legame che ha rischiato di interrompersi bruscamente nel biennio con Benitez. Hamsik nel 4-2-3-1 dello spagnolo non è mai riusciti a trovarsi a suo agio. Spalle alla porta, nel ruolo di trequartista, solo raramente è riuscito a dare il massimo. Un malessere che Benitez avrebbe ignorato, tanto che Hamsik avrebbe detto addio all’azzurro nel caso di un rinnovo di contratto da parte dell’attuale allenatore del Newcastle. Con l’arrivo di Sarri in panchina, invece, tutto è cambiato per il meglio: Hamsik si è riscoperto grande nel ruolo che da sempre l’ha contraddistinto ai tempi di Reja e Mazzarri. E quando la Juventus ha chiamato De Laurentiis dieci volte la scorsa estate, la risposta è stata sempre la stessa. Hamsik non si muove da Napoli, rappresenta un simbolo, un idolo per l’intero stadio San Paolo.  E lunedì contro l’Atalanta riceverà da Bruscolotti, in cima alla classifica delle presenze del Napoli, un particolare riconoscimento.

metropolisweb

Commenti