Samp a nervi tesi, lite Cassano-Romei dopo il derby

Samp a nervi tesi, lite Cassano-Romei dopo il derbyCassano con l’arbitro Banti durante il derby (ansa) GENOVA – Fine partita, la Sampdoria ha appena perso il derby con il Genoa in malo modo. Antonio Romei, avvocato di Massimo Ferrero ma di fatto direttore generale del club blucerchiato, scende negli spogliatoi. La strigliata alla squadra, dopo un risultato del genere, è inevitabile. Ma a caldo, con i fischi della gradinata Sud che ancora rimbombano dentro lo stadio di Marassi, uno dei giocatori della Samp reagisce e risponde per le rime. È Antonio Cassano, che in campo era stato uno dei pochi a salvarsi, a prendersela con lo stesso Romei e, in modo più o meno indiretto, con il presidente Ferrero.

GUARDA I GOL DI SAMPDORIA-GENOA
 
Quando Fantantonio aveva firmato il contratto biennale la scorsa estate, dopo il tira e molla infinito con Zenga, era stata inserita la cosiddetta “clausola anti-cassanate”. Ovvero: alla prima intemperanza il club doriano può decidere di rescindere immediatamente il contratto. I vertici della Samp, però, al momento smentiscono l’ipotesi: domani pomeriggio nel quartier generale di Bogliasco è previsto il primo allenamento post derby e dalla sede di Corte Lambruschini assicurano che Cassano sarà al suo posto. In più, sottolineano che durante la stagione il barese si è sempre comportato bene.

Non è un mistero, comunque, che Cassano nella Sampdoria voglia più spazio. Spazio che Montella non gli ha concesso nella misura voluta dal giocatore. Certo, adesso è l’Aeroplanino a un passo dall’addio alla Samp, ma non è detto che un potenziale allenatore futuro veda il numero 99 ancora titolare nella prossima stagione. Quindi, con o senza clausola anti-cassanate, il matrimonio fra il talento di Bari Vecchia e la società blucerchiata resta in alto mare. sampdoria

serie A
Protagonisti:
antonio cassano

Fonte: Repubblica

Commenti