Mondonico: “Il Napoli per il prossimo anno dovrà semplicemente confermare Higuain e migliorare la difesa”

EMILIANO MONDONICO, ex allenatore del Napoli oggi a FUORI GARA su Radio Punto Zero : “Quella di Higuain è una favola che ognuno racconterà come meglio crede nei prossimi cinquanta anni. Tutti parleranno di questo eroe diventato re con il 36esimo gol in rovesciata col Frosinone. L’annata azzurra non poteva finire nel modo migliore. Per il prossimo anno non servono grandi cose, basterà confermare Higuain e costruire una squadra ancora più forte che giochi per l’argentino. Inoltre, per avvicinarsi alla Juve, servirà migliorare la difesa. Tonelli, ad esempio, aiuterà il Napoli a prendere dodici gol in meno rispetto a questa stagione. La fase difensiva va migliorata. È lì che bisogna insistere, in Italia funziona così, vince chi subisce meno gol. Massimo venti gol subiti. Sportiello? Starei attento a cercare un’alternativa valida a Reina, lo spagnolo è il vero leader del Napoli, meritala fiducia dell’allenatore e non va messo in competizione con altri, né messo in discussione. Gabbiadini? Ha giocato poco, è giusto che altri al suo posto siano stati convocati in nazionale. Nello stesso tempo, però, mi chiedo quale sarà il centravanti di riferimento in un’Italia che giocherà col 3-5-2 puntando sugli esterni. Bisognerebbe trovare un centravanti che somigli ad Higuain. Dopo Conte? Non sono d’accordo sull’idea Lippi come direttore tecnico e Ventura ct. Personalmente, avrei scelto Marino come direttore generale: in questo momento è fermo ed ha tantissima esperienza. Potrebbe essere più utile di Lippi come dirigente. Credetemi, quando si è in due, tre o quattro a fare una formazione si va solo in difficoltà”.

 

 

Commenti

Questo articolo è stato letto 671 volte

avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!