Juventus, primo giorno di Dani Alves tra visite e tifosi

Juventus, primo giorno di Dani Alves tra visite e tifosiDani Alves all’arrivo a Torino (lapresse) TORINO – Un’accoglienza così, alla Juventus, non si vedeva da tre anni, e cioè dall’estate in cui arrivò Carlitos Tevez. Una quarantina di tifosi appostati fuori dall’hotel Principi di Piemonte, oltre un centinaio piazzati all’ingresso del J Medical: sì, da queste parti sono grandi numeri. Primi bagni di folla bianconera per Dani Alves, che si è rifatto dopo l’arrivo nel semianonimato di domenica all’aeroporto di Caselle. Facile prevedere una grande  presenza martedì, quando l’esterno brasiliano verrà presentato a stampa e tifosi.

Dani Alves si è palesato con un look non proprio bonipertiano: scarpe da ginnastica, pantaloni della tuta, t-shirt nera con pois bianchi e la faccia un po’ stropicciata di chi ha fatto le ore piccole vedendo la finale di Copa America vinta dal Cile ai rigori sull’Argentina. Prima di iniziare il tour delle visite mediche, l’esterno 33enne arrivato a costo zero dal Barcellona, accompagnato dall’agente Dinora Santana, ha distribuito qualche sorriso e selfie ai suoi nuovi sostenitori, che lo hanno accolto intonando il coro “Chi non salta è un nerazzurro”. 

Dopo Pjanic, ecco dunque un altro di quegli innesti di qualità auspicati da Allegri, un altro grande acquisto per dare l’assalto alla prossima Champions League, l’obiettivo reale anche se meno sbandierato dal club rispetto al traguardo del sesto scudetto consecutivo. Dani Alves porta infatti alla corte di Allegri un incredibile carico di esperienza, se è vero che da solo ha conquistato più trofei internazionali (12) di tutta l’attuale rosa bianconera (11).

Nel pomeriggio Dani Alves andrà in sede, dove Beppe Marotta gli farà firmare un biennale con opzione per il terzo anno da circa 4 milioni a stagione. Si tratta dell’unico appuntamento della giornata per l’ad bianconero: nessun vertice con vista sul futuro di Pogba con l’agente Raiola, che potrebbe però incontrare qualche emissario juventino a Montecarlo. In attesa dei primi passi ufficiali del Mancheter United, che avrebbe sorpassato il Real Madrid nella lunga corsa a Pogba, la Juve lavora al dopo-Morata. Superati i vari Cavani, Lukaku e Sanchez, il nome più caldo resta quello di Batshuayi, ieri protagonista di un esordio col botto a Euro 2016. Al 22enne centravanti belga sono infatti bastati 95 secondi dall’ingresso in campo per realizzare il gol del 2-0 in Belgio-Ungheria. Un gol che gioca a favore dell’Olympique Marsiglia, che chiede ben 40 milioni di euro, 10 in più della prima offerta bianconera. Il tutto all’insegna di una osmosi sempre più intensa tra esiti del campionato europeo e vicende del calciomercato.  calcio

juventus
Protagonisti:
dani alves

Fonte: Repubblica

Commenti