Palermo, Ballardini: “Gruppo da completare ma l’entusiasmo c’è”

Palermo, Ballardini: "Gruppo da completare ma l’entusiasmo c’è"Davide Ballardini  BAD KLEINKIRCHEIM – Morale alto e voglia di far bene regnano a Bad Kleinkircheim, in Austria, dove il Palermo è in ritiro per preparare il prossimo campionato. È per questo che Davide Ballardini si aspetta segnali importanti mercoledì, quando i rosanero affronteranno l’Al Wehda: “Domani voglio vedere una squadra che sappia ciò che deve fare – spiega il tecnico nella conferenza stampa della vigilia – Quindi sapere come muoversi in fase offensiva e, da squadra, collaborare tutti insieme a quella difensiva, per recuperare presto la palla. Della scorsa amichevole guardo la prestazione e, nel primo tempo, abbiamo anche fatto buone cose. Siamo stanchi con la testa e con le gambe: dobbiamo essere bravi anche in queste fasi”.

“ROSA DA COMPLETARE” – L’avversario non è certamente di primissimo piano, ma non è questo che conta per l’allenatore dei siciliani: “Non interessa più di tanto la squadra che incontriamo – dice Ballardini – Ci interessa quello che facciamo noi. Detto ciò, affrontare squadre che son più avanti di noi nella preparazione è comunque un fattore importante, perché ci possono creare maggiori difficoltà e problemi, che noi dobbiamo superare. Questo è un gruppo da completare, lo sappiamo bene, ma L’entusiasmo c’è, l’armonia dentro la squadra si sente”.

TRAJKOVSKI: “VOGLIO DIMOSTRARE IL MIO VALORE” – Il match con l’Al Wehda può essere un’ottima occasione per Aleksandar Trajkovski, che intende ritagliarsi un posto di primo piano nel Palermo versione 2016/17: “Voglio dimostrare in pieno le mie qualità, lo scorso anno è stato di ambientamento – riconosce il macedone – Sto lavorando bene per me e per la squadra. A Palermo mi trovo bene, ho trascorso anche le mie vacanze lì con mia moglie, mia sorella e suo marito. È una bella città”.

“NESTOROVSKI E BALOGH SARANNO UTILI” – Per Trajkovski, dopo le difficoltà di ambientamento dell’anno scorso, questo può essere l’anno della svolta: “Quando sono arrivato non capivo bene la lingua ma il ritiro mi ha aiutato ad imparare l’italiano – racconta il talento rosanero – Riguardo a questa stagione non penso a quanti gol posso fare, penso che l’atmosfera è bella e ci stiamo preparando bene. Gli addii di Gilardino e Vazquez? Nestorovski e Balogh sono due calciatori diversi ma sono certo che entrambi, con le loro caratteristiche, saranno utili”.

palermo

serie A
Protagonisti:
Davide Ballardini

Fonte: Repubblica

Commenti