Rio 2016 – l’Italia conquista una storica medaglia di bronzo nel canottaggio grazie ai napoletani Abagnale e Di Costanzo

Arriva dal canottaggio la dodicesima medaglia per l’Italia ai giochi Olimpici di Rio De Janeiro e arriva grazie all’impresa di due napoletani, Giovanni Abagnale di Castellammare di Stabia e Marco Di Costanzo di Napoli, Quartieri Spagnoli. 

I due ragazzi campani costruiscono un autentico capolavoro andando a conquistare una storica medaglia per i colori azzurri che nella disciplina due senza  mancava dalle Olimpiadi di Londra 1948.  Il tempo di  7’04″52 cosente al duo Abagnale-Di Costanzo di piazzarsi al terzo posto, preceduti dal Sudafrica e dalla Nuova Zelanda. I due campioni nostrani sono felici e increduli, come si evince anche dalle loro dichiarazioni a fine gara. “Siamo stupiti noi stessi per quanto abbiamo fatto dirà Abagnale, mentre Di Costanzo, parlando ai microfoni della Rai affermerà: “Ci abbiamo messo il cuore e la testa, abbiamo preparato tutto in 20 giorni: ci siamo comportati da veri campioni!”

I ragazzi hanno inoltre ringraziato la gente che li ha seguiti e sostenuti soprattutto tramite i social network e hanno speso parole di riconoscenza anche per i mitici fratelli Abbagnale per tutto ciò che hanno loro insegnato

 

 

Commenti
avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!