Moggi: “Il Napoli è una bella squadra, ma non credo che la Juventus si faccia sfuggire il sesto titolo di fila”

Luciano Moggi, ex direttore generale della Juventus e del Napoli del secondo scudetto,  è intervenuto ai microfoni di TMW Radio: Ecco le sue dichiarazioni: “La sconfitta dei bianconeri,  in casa dell’Inter? I nerazzurri venivano da una debacle in Europa League e la Juve da un pareggio col Siviglia. Due momenti, dunque,  diversi,  con l’Inter che ha puntato sull’orgoglio, mentre la Juve ha giocato al risparmio. Il fatto che sia stato preferito Mandzukic a Higuain la dice lunga sul fatto che Allegri sia andato a Milano per non perdere. Pjanic davanti alla difesa? Credo sia una cosa da valutare con attenzione. Il centrocampo non è competitivo e la difesa ha qualche problema, soprattutto con Chiellini. Forse la scelta di Mandzukic è andata in questo senso. Non ho condiviso gli attacchi ad Allegri, dopo la gara di Champions, ma quella di Higuain, in panchina,  è stata una leggerezza. Detto questo i bianconeri rimangono la squadra più forte di tutte e l’Inter, con il carattere visto ieri, può arrivare anche dietro ai bianconeri. La riprova però si avrà contro l’Empoli,  perché la gara contro la Juve si prepara da sola. Con l’Empoli è un’altra cosa. Tavecchio e le simpatie interiste? Non lo ha mai nascosto. D’altronde essere simpatizzante dei più deboli fa simpatia. Una cosa che non succede se lo si è dei più forti. Oriali team manager della Nazionale sta li a dimostrarlo. Tavecchio lo conosceva da prima. Il nuovo Napoli?  E’ una bella squadra, ma non credo possa lottare per il titolo,  perché lo vedo già nelle mani della Juventus. Il Napoli, con l’Inter, può competere per i posti nobili della classifica, ossia zona Champions.

Commenti