Pescara, Oddo non cambia: “Avanti con la nostra filosofia”

Pescara, Oddo non cambia: "Avanti con la nostra filosofia"Massimo Oddo (ansa) PESCARA – La prima vittoria sul campo tarda ad arrivare ma Massimo Oddo cerca di non scomporsi più di tanto. Il tecnico del Pescara, alla vigilia del match con l’Atalanta, non intende cambiare volto ai suoi e insiste sul lavoro svolto in questi anni. “Abbiamo una filosofia chiara, gli accorgimenti diversi possono esserci in fase di non possesso. Ho le idee molto chiare ma non le dico. Se avessi la certezza di giocare male e vincere, direi ai miei giocatori di giocare male, mica sono scemo. Purtroppo non funziona così. I nostri problemi vengono fuori quando regaliamo il pallone, sono quelli i momenti nei quali dobbiamo stare più attenti”.

ATALANTA FORTE ED ESPERTA – All’Adriatico arriva una delle squadre più in forma del campionato, l’Atalanta di Gian Piero Gasperini. “Sarà una gara difficile come tutte le altre, in Serie A non esistono partite facili e scontate – prosegue Oddo – ma l’Atalanta è certamente una squadra forte e con esperienza. Hanno una struttura di gioco particolare, concedono poco, badano a non prendere gol e a giocare sull’errore dell’avversario. Noi proveremo a vincere come sempre, sappiamo che il nostro sarà un campionato di lotta costante, fino all’ultimo secondo dell’ultima partita”. Il tecnico spera di recuperare Manaj dal primo minuto mentre alza bandiera bianca su Verre. “Dovrebbero rientrare Muric e Manaj, se quest’ultimo sta bene può giocare. Ieri si è allenato, ha completato quasi tutta la seduta: sente ancora un leggero dolore in fase di riscaldamento ma poi il tutto svanisce. Lui e Bahebeck sono fortissimi, se potessimo averli a disposizione sarebbe tutto più semplice in attacco. Verre ha un problema a un piede, non è grave ma è fastidioso e non ci sarà. La difesa? C’è un aspetto da non sottovalutare: non abbiamo mai preso gol a difesa schierata, tranne il primo di Icardi che ha fatto un grande gesto tecnico”.

pescara calcio

serie A
Protagonisti:
Massimo Oddo

Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 182 volte