Napoli, maxi schermi al San Paolo contro l’emergenza e il tabù Stadium

Napoli, maxi schermi al San Paolo contro l'emergenza e il tabù StadiumDries mertens, giocherà ancora da falso nueve (agf) NAPOLI – Vigilia di silenzio, per il Napoli. Anche stavolta, come sta capitando ormai sempre più spesso, la società ha preferito annullare la conferenza stampa di Maurizio Sarri, che si sarebbe dovuta tenere al centro sportivo di Castel Volturno. Non ci sono dunque state repliche alle parole di Allegri e nemmeno commenti sulla designazione di Rocchi, che invece ha scatenato un acceso dibattito sui social network. Ma ai tifosi azzurri dispiace soprattutto di non poter seguire la loro squadra a Torino, visto che la trasferta allo Juventus Stadium è stata di nuovo vietata per motivi di ordine pubblico. Gli ultras si stanno organizzando con un maxi schermo all’esterno della curva B dello stadio San Paolo. Il presidente Aurelio De Laurentiis vedrà la partita a Ischia. “Resto qui pure io, per solidarietà con i nostri sostenitori”. Sulla delicata questione ha preso posizione perfino il sindaco Luigi de Magistris. “Questi divieti sono la rovina del calcio”, ha protestato il primo cittadino, cavalcando poi il malumore della piazza nei confronti di Gonzalo Higuain, durante un intervento radiofonico alla trasmissione Un giorno da pecora. “Quello del Pipita è stato un grave tradimento: non credo che sarai mai più un ospite gradito dalle nostre parti. Nemmeno per fare una passeggiata sul lungomare”.

   Il Napoli sta cercando invece di estraniarsi dalle polemiche, per concentrarsi solo sulla partita. Sarri ha altri problemi, con la lunga assenza di Milik per infortunio, la squalifica di Gabbiadini e il mancato recupero di Albiol, che non fa parte della lista dei convocati per la trasferta di Torino. Contro la Juve sarà ancora emergenza, per gli azzurri. In difesa spazio per Maksimovic, in attacco conferma di Mertens nel ruolo di falso nueve, in mancanza di un centravanti di ruolo. I precedenti allo Stadium fanno paura: 5 sconfitte su 5 e appena un gol segnato. Ma i tifosi hanno fatto coraggio alla squadra alla partenza dall’aeroporto di Capodichino, con striscioni e cori. Le uniche voci di una vigilia di silenzio.

calcio

serie A
ssc napoli
Protagonisti:

Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 225 volte