Grecia, incendio nella casa del capo degli arbitri

La Federcalcio greca ha annunciato la sospensione di tutti i campionati dopo l’incendio doloso divampato nella casa di Giorgos Bikas, presidente della Commissione arbitrale nazionale, che non ha riportato conseguenze

La Federcalcio greca ha annunciato la  sospensione di tutti i campionati. La decisione è stata presa dopo  l’incendio divampato nella casa di Giorgos Bikas, presidente della  Commissione arbitrale nazionale. Né Bikas né i suoi familiari erano nell’abitazione, che ha subìto gravi danni. Il sospetto però è che l’incendio fosse di origine dolosa, da qui la decisione della federazione di fermare tutti i campionati.

Calcio in crisi
– La Federazione greca ha fatto sapere che prenderà ulteriori azioni dopo il rapporto ufficiale. La scorsa settimana Bikas aveva rivelato che un arbitro di alto livello era stato minacciato fuori dalla propria casa da alcuni sconosciuti. Il calcio greco è da anni al centro di diversi episodi di violenza e corruzione, tanto che la Federcalcio è stata posta commissariamento dalla Fifa. A settembre il governo aveva deciso di posticipare l’inizio del massimo campionato a causa dei contrasti tra Federazione, Lega e club in materia di sicurezza.

Fonte: Sky

Commenti

Questo articolo è stato letto 98 volte