Quagliarella: “Voglio chiudere con questa maglia”

Fabio Quagliarella, in un’intervista rilasciata a Riccardo Re, parla delle aspettative per il 2017, della felicità per aver raggiunto il traguardo dei 100 gol in serie A e della sua voglia di finire la carriera con la maglia blucerchiata.

Voglia di mare – “Ho giocato a Napoli, sono cresciuto nell’acqua (Castellammare di Stabia). Senti la mancanza del mare quando non c’è e il clima è diverso. Arrivare al campo e non potersi allenare per via del ghiaccio è estenuante, mentre qui (Genova, ndr) con un clima sui 15 gradi è sempre bello”.

La passione per il cibo – Dove hai trascorso le vacanze di Natale? “All’estero, anche se sono stato ammalato tre giorni, le ho trascorse a letto e a tavola. Mia mamma cucina da Dio, amo tantissimo i suoi piatti, soprattutto il risotto con i carciofi o con i funghi. In generale, invece, vado pazzo per la pizza e i dolci.

Sogno per 2017 – Qual’è il tuo sogno per questo 2017? “Spero innazitutto di poter rinnovare con la Sampdoria perché sono in scadenza di contratto a giugno, a grandi linee dovremmo esserci, non credo ci siano problemi per il rinnovo. Per quanto riguarda il campo, spero di rimanere sempre al top, anche se gli anni passano, e di tenere a bada i giovani che vogliono emergere”. Ti piacerebbe però chiudere con la maglia della Samp? “Si, qui sto bene e ho un bel rappoorto con la società e i tifosi. Per scaramanzia però non nomino le parole ‘fine carriera’ perchè in passato ho comunque cambiato tante maglie”.

Traguardo raggiunto– Cosa significa essere un attaccante da 100 gol in A? “Una bellissima soddisfazione, ho messo questo traguardo nel mirino da due anni, ho avuto la fortuna di giocare con grandi campioni e ho sempre cercato di osservarli”.

Talismano Giampaolo – Quando è arrivato il mister sulla panchina blucerchiata quest’estate, cosa haoi pensato? “Con lui ho segnato la prima e la centesima rete nella massima serie. Quest’anno me ne mancavano solo 4. Ricorderò per sempre il momento e come si è svolta la partita. Al mister ho anche regalato la maglia con la scritta 100. Lui crede tanto nei giovani, anche nei miei confronti ha avuto tanta fiducia”.

Inizio con il botto – La prima partita del 2017 sarà contro il Napoli: “E’ destino, mi è capitato anche l’anno scorso con la maglia del Torino. Non sarà una partita come le altre, ho un affetto particolare. Ho tanti amici, è la mia città, lo stadio trasmette emozioni e brividi. Ricordo tutti i momenti, è sempre bello tornare al San Paolo”.

Fonte: SkySport

Commenti