Palermo, Corini: “Con l’Empoli importante, non decisiva”

Palermo, Corini: "Con l'Empoli importante, non decisiva"Eugenio Corini  PALERMO – Importante, ma non decisiva. Eugenio Corini vede così la sfida di Empoli che aprirà il 2017 della serie A. Una partita che per il Palermo potrebbe essere uno spartiacque anche in chiave di mercato. Quelli di Empoli, infatti, sono punti pesanti. Se il Palermo dovesse fare risultato resterebbe in piena corsa per la salvezza. In caso di sconfitta, invece, andrebbe sette punti di distacco dalla quart’ultima con ovvie conseguenze anche sul piano del mercato. “A questo non penso – dice Corini – Io penso soltanto a portare avanti quello che è il mio imperativo da quando sono arrivato a Palermo. Fare il massimo per salvare la squadra. Quella con l’Empoli è una gara sicuramente importante, ma non penso sia decisiva perché poi ci sarebbe ancora un intero girone di ritorno da giocare. Voglio pensare piuttosto al fatto che in caso di successo di avvicineremmo ai nostri diretti concorrenti”.

Corini ci crede. Il suo ottimismo sembra condensarsi nelle parole della vigilia. “Nelle ultime due gare abbiamo ottenuto quattro punti e per poco non abbiamo sfiorato il bottino pieno – dice il tecnico rosanero – Questo è un segnale importante che dimostra che la squadra è viva. Adesso a Empoli ci serve una gara di grande aggressività. Dobbiamo dare una dimostrazione di forza, mettendo in campo tutta la voglia di fare risultato. Non deve essere una partita di attesa”. Una gara nella quale, di riflesso, aleggerà il mercato. Il Palermo è vicino allo svedese di origine cilena Stefan Silva che gioca in Svezia con la maglia del Sundsvall. “Abbiamo intavolato altre trattative che però non sono andate in porto – dice Corini – Parlo continuamente con la società e sappiamo quello che ci serve, ma il mio obiettivo è legato al campo”. Già, in particolare a Empoli in quella che è una partita da dentro o fuori.   

Palermo calcio

serie A
Protagonisti:
eugenio corini

Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 172 volte