Gli interventi di Tonci Martic, Claudia Manzella, Marcello Carli, Ciro Venerato, Emanuele Calaiò, Giulio Di Feo, Joao Santos e Mario Giuffredi a Radio Crc

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Tonci Martic, procuratore di Strinic

“E’ difficile giocare bene quando non giochi. Strinic è stato felicissimo di aver giocato contro la Sampdoria, quando Sarri ha bisogno di lui, ci sarà sempre. Certo, non è facile giocare bene ed essere al top della forma quando per molto tempo si è fermi, ma dà sempre il massimo. Il tecnico del Napoli sta facendo molto bene e seppure non è facile accettare a volte le scelte, i risultati dicono che l’allenatore sta facendo bene. Ghoulam è uno dei migliori terzini in Italia, e quando gioca Strinic sono tutti contenti per le sue performance. Ogni squadra di alto livello che gioca sia in campionato che in Champions deve avere due giocatori forti in ogni ruolo, è ovvio che sia così. Certo, per il giocatore non è facilissimo accettare di essere a volte in panchina, ma è contento di essere nel Napoli. Non si tratta di soldi, ma quando non giochi per qualche mese consecutivo non si è felici. Sono certo che se Strinic giocherà qualche partita di fila e lo farà molto bene.

Il Napoli non ha mai avuto l’intenzione di cedere Strinic, ha sempre detto no alle offerte ricevute. Il club azzurro è felice anche della reazione di Strinic che nonostante non abbia giocato, non ha mai creato problemi. Era un po’ deluso per il poco impiego, in una stagione di 50 partite è giusto giocarne 15 o 20 e non solo 3, ma è l’allenatore a fare le sue scelte, non il calciatore. Strinic deve solo pensare a dare il massimo e fare il meglio quando impiegato.

Il suo contratto scade a luglio 2018, ci sono alcune società che hanno chiesto informazioni perché i terzini sinistri bravi sono pochi. Strinic è contento di essere a Napoli, della città e dei tifosi, lo è meno quando non gioca. A Napoli c’è concorrenza e Ghoualm è un ottimo calciatore, vedremo cosa accadrà.

Spero che il Napoli passi il turno di Champions, poi se giocherà Ghoulam o Strinic è meno importante. Ogni giocatore sogna di essere titolare in una partita del genere, ma spero che contro il Real il Napoli disputerà due ottime partite.

Perisic? Preferisco non parlare dell’Inter e di Perisic.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuta Claudia Manzella, moglie di Lorenzo Tonelli

“Quando non si riesce ad essere utile alla squadra in cui si gioca non si è mai del tutto felci perché sembra sempre che manchi qualcosa, ma Lorenzo pensa sempre positivo. Oltretutto, questo è un bel momento perché è in arrivo il nostro primo figlio, abbiamo deciso anche il nome, si chiamerà Christian. Lorenzo si fa voler bene da tutti, ha un bellissimo rapporto con tutti. Ero al San Paolo contro la Sampdoria e ho visto Lorenzo subito dopo la partita, non servivano parole, ci siamo abbracciati e baciati.

A Empoli Lorenzo era in un ottimo gruppo, molto unito ed ha trovato la stessa cosa a Napoli. Sono tutti molto complici per cui a Napoli è come trovarsi un un’ottima famiglia.

Lorenzo ha tanta voglia di giocare, ma non si aspetta nulla. Se a Sarri vorrà impiegarlo, sarà pronto. Non c’è mai stato un momento in cui ha pensato di lasciare Napoli, è un guerriero e non si arrende davanti alla prima difficoltà.

L’infiammazione al ginocchio di inizio stagione ha tenuto Lorenzo lontano dal gruppo e dagli allenamenti, ma ha sempre lavorato perché lui non molla mai e voleva tornare quanto prima al pari degli altri”.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Marcello Carli, direttore sportivo dell’Empoli

“Sono felice per il gol di Tonelli, in quel Napoli-Sampdoria c’erano i due allenatori che conosciamo bene, Hysaj, Zielinski, Regini e quindi tanta roba nostra. Sono passati da noi tanti protagonisti di una bella partita.

Il Napoli sta giocando partite sempre di alto livello e il fatto che contro la Samp non abbia giocato ai suoli livelli a notizia, poi la Sampdoria è una buona squadra. Nella vita gli episodi a volte sono favorevoli e altre volte meno e restare in 10 per loa Samp ha pesato.

Grassi? Ci stiamo lavorando, non è un segreto ma non so quale sia il giorno osto. Sepriamo che nei prossimi giorni si concluda tutto anche perché dobbiamo iniziare a lavorare su d lui. L’accordo col ragazzo c’è, la situazione è abbastanza chiara e lì’Atalanta deve dare il benestare affinché il ragazzo possa venire. Non penso che il club bergamasco si opporrà.

el Kaddouri? Dobbiamo pensare a Grassi, poi se capiterà ‘occasioe, vedremo. El Kaddouri è forte e può giocare in tanti ruoli, ma in questo momento pensiamo a Grassi.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Ciro Venerato, giornalista

“Il Napoli ha seguito ma non prenderà a gennaio Poket e a giugno vorrebbe un terzino più esperto. Conti è seguito, il procuratore però è lo stesso di Hysaj e non vuole darlo al Napoli per mettere due calciatori in competizione tra loro.

Gabbiadini? Non mi risulta l’interesse del Leicester. Il Napoli dopo gli ultimi due gol segnati valuta Gabbiadini 25 milioni e al momento le offerte non convincono De Laurentiis. La Fiorentina venderà Kalinic, ma non ha chiesto Gabbiadini.

Domani il ballottaggio è tra Sepe e Rafael. L’idea di Sarri è quella di alternarli in coppa Italia e Rog potrebbe giocare dal primo minuto. Giocheranno sicuramente Giaccherini, Maggio e Maksimovic”.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Emanuele Calaiò, attaccante del Parma

“Vorrei essere al San Paolo domani, ma dopo le vacanze sono tornato a Parma. Quando smetterò di giocare a pallone tornerò a Napoli, ma domani sera seguirò ancora il Napoli come faccio sempre e pure lo Spezia in cui ho lasciato tanti amici.

Lo Spezia è consapevole che a Napoli non sarà facile, ma la coppa Italia è sempre strana. Si torna dalle feste e magari il Napoli farà giocare chi gioca meno e lo Spezia non ha nulla da perdere per cui tutto può succedere. Lo Spezia vorrà fare une bella figura, non segna molto, ma è una parta da giocare. Ho visto il Napoli contro la Samp e dopo un primo tempo di assestamento in cui ci può stare, ho visto una grande squadra. Il Napoli è l’anti Juve perché è la squadra che gioca il più bel calcio della serie A”.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Giulio Di Feo, giornalista

“Se proseguiamo nella scoperta di giocatori che possono essere utili, la partita contro la Sampdoria, ha messo in grande luce Tonelli che ha segnato anche alla prima da titolare e Strinic che è stata una mitragliatrice, soprattutto negli ultimi minuti.

Al momento non mi pare che al Napoli servano altri calciatori anche perchè poi non è utile avere una rosa molto lunga. L’infortunio di Milik è stato risolto dall’arrivo di Pavoletti”.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Joao Santos, procuratore di Jorginho

“L’alternanza Jorginho-Diawara? Jorginho è sempre pronto per il mister e quando ne avrà bisogno darà sempre il meglio. Domani se Sarri vorrà, Jorginho giocherà.

Leandrinho? Siamo in attesa, sarà il Napoli a dare l’annuncio ufficiale”

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Mario Giuffredi, procuratore tra gli altri di Hysaj, Conti e Sepe

“Ieri ho seguito Chievo-Atalanta con grande attenzione. Gol a parte, Conti ha disputato un’ottima prestazione ed è questa che guardo sempre.

Conti promesso alla Juve? Credo di no, non ho mai sentito nessuno della Juve. Non pensiamo al mercato adesso, fino a giungo dobbiamo pensare solo a fare bene, poi con tranquillità penseremo al mercato.

Nel calcio vince chi si muove prima ed è ovvio che se in concorrenza c’è la Juve ci sono delle difficoltà economiche e di blasone, ma nel mercato la velocità conta molto. Al Napoli Conti è sempre piaciuto, ma piace un po’ a tutti e tra queste attenzioni del Napoli.

Conti ha grande talento, ma gli manca lo step fatto da Hysaj che ormai è diventato un top per cui non è vero che non voglio portare due calciatori dello stesso ruolo in una squadra. Hysaj è consacrato mentre Conti dovrà consacrarsi. La forza di Conti è quella di fregarsene del mercato anche perché i miei ragazzi sanno che quando c’è qualcosa di concreto sono io a parlare con loro.

Mario Rui è da qualche partita che va in panchina, ma le temperature non aiutano il suo rientro. Quanto prima però tornerà in campo e saremo tutti contenti.

Non so se Sepe giocherà contro lo Spezia, quello che dovevamo dirci ce lo siamo detti e andremo avanti fino a giugno, poi tireremo le somme. A fine stagione arriveremo di fronte ad un bivio e giocare una sola patita cambia ben poco”.

Il presente comunicato è stato inviato da Crc. Si declina ogni responsabilità dal contenuto dello stesso

Commenti