Gallo: “Il Napoli ha qualcosa del Grande Torino!”

Il giornalista Antonello Gallo ha scritto questo   post su Facebook riguardante il Napoli: Questo napoli con tutto il rispetto, ha qualcosa del grande Torino: i fatidici 15 minuti che, per chi non conosce la storia del calcio, erano tipici del Grande torino degli anni ’40. Funzionava all’incirca così: se in un dato momento della partita il risultato non si era ancora sbloccato, il capitano Valentino Mazzola guardava la panchina e la tribuna e tirava su le maniche della maglietta. Da quel momento non ce n’era più per nessuno: nel giro di un quarto d’ora il Torino ribaltava il risultato, segnava due, tre, una volta addirittura sette gol. Altri tempi. Ma oggi nel primo quarto d’ora della ripresa sovente vediamo che la storia può ripetersi con il grande Napoli. Ed il segnale forse arriva da una spazzolata alla cresta di Hamsik e dalla sigaretta di Sarri. Così dopo un primo tempo abbastanza opaco, i secondi 45 min segnano la differenza per i napoletani che meravigliano ancora. Il Pescara recrimina su qualche episodio ma deve inchinarsi a questo nuovo profetico “quarto d’ora” che oggi porta i colori azzurri. E la storia si diverte.

Commenti
avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!