Dubbi per Sarri in difesa, possibile il recupero di Albiol

Il Napoli, questa sera è atteso dall’esame San Siro. La squadra di Sarri disputerà il primo scontro diretto in trasferta del girone di ritorno, contro il Milan di Montella, con l’intento  di tenere a debita distanza i rossoneri che comunque hanno, sempre  da recuperare una gara. Momento felice per gli azzurri, reduci da due vittorie di fila in campionato, ma più in generale da nove risultati utili consecutivi (tredici addirittura considerando anche le Coppe). Turno molto importante e sicuramente difficile, sulla carta, per il Napoli che dovrà provare a non perdere terreno dalle prime  due di testa, per poi approfittare del calendario molto più abbordabile che seguirà con cinque partite con squadre  medio-piccole,  prima della sfida dell’Olimpico con la  Roma.  Montella privo di Locatelli e Romagnoli squalificati, ma anche di De Sciglio che non ha recuperato. In difesa dunque coppia centrale composta da Paletta e Gomez con Abate a destra ed Antonelli favorito su Calabria a sinistra. A centrocampo spazio all’ex Sosa in regia con Kucka e Pasalic (favorito su Bertolacci), mentre in attacco solito tridente con Suso, Bacca e Bonaventura.

Problemi in difesa per Maurizio  Sarri: indisponibile  Chiriches, Albiol ancora influenzato e Tonelli che accusa qualche fastidio muscolare non sarà facile improntare una difesa all’altezza. Con Maksimovic, sicuro titolare, potrebbe essere recuperato, in extremis,  lo spagnolo. Sulle fasce, Hysaj a destra e Strinic a sinistra,  mentre a centrocampo con Hamsik sempre present, ballottaggi con Diawara e Zielinski leggermente avanti Jorginho ed Allan. In attacco solito  tridente leggero con Pavoletti pronto a subentrare.

Pertanto ecco le probabili formazioni che scenderanno in campo al Meazza:

MILAN (4-3-3): Donnarumma; Abate, Paletta, Gomez, Antonelli; Kucka, Sosa, Pasalic; Suso, Bacca, Bonaventura. All. Montella

NAPOLI (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Maksimovic, Strinic; Zielinski, Diawara, Hamsik; Callejon, Mertens, Insigne. All. Sarri

Commenti

Questo articolo è stato letto 714 volte