Palermo, Aleesami: “Vogliamo restare in A”

Haitam Aleesami, esterno norvegese del Palermo (palermocalcio.it)

La sfida con la Juventus va archiviata in fretta. Il Palermo torna ad inseguire il quartultimo posto e, quindi, la salvezza, sperando di fare risultato pieno allo Stadio Barbera contro la Sampdoria. Secondo il ds Salerno “un’occasione per tornare sotto all’Empoli”, che giocherà invece proprio contro la Juve. Partita fondamentale, come ammette Haitam Aleesami ai microfoni del sito ufficiale del club rosanero, ripercorrendo anche le lacune mostrate venerdì scorso a Torino: “La Juve è una squadra troppo forte, tra le migliori al mondo. Se sbagli una volta, fanno gol. Se sbagli due volte, fanno due gol. Anche la Sampdoria è una squadra forte e dobbiamo fare una buona partita, dobbiamo svolgere tutti insieme la fase difensiva e offensiva, poi speriamo bene“.

Salvezza – La speranza di salvezza si è fatta più concreta nelle ultime settimane, anche per merito di Diego Lopez, che ha fatto svoltare la squadra con quattro punti nelle prime due partite. Un impatto importante, pur essendo l’uruguaiano il quarto allenatore della stagione. Il suo atteggiamento ha colpito in primis i giocatori: “Mi piace – ha detto Aleesami – è un bravo allenatore e una brava persona. Abbiamo lavorato bene in campo e noi ci crediamo, vogliamo restare in Serie A“.

Verso la Samp – Domenica, contro la Sampdoria, il Palermo ha la chance per ottenere il secondo successo casalingo in stagione. Si giocherà alle 12.30, orario che potrebbe creare delle difficoltà ai giocatori: “Per me non cambia nulla, diamo il massimo in ogni partita e in ogni allenamento“. Il terzino norvegese, infine, lancia un appello ai tifosi: “Abbiamo bisogno del vostro sostegno, spero di vedervi tutti allo stadio domenica“. Per prepararsi alla sfida contro i blucerchiati, Lopez si è concentrato nella prova di un nuovo modulo: il 4-2-3-1, utilizzato nella gara odierna contro gli Allievi. Cinque i gol per Nestorovski al termine della partita di allenamento.

Fonte: SkySport

Commenti

Questo articolo è stato letto 111 volte