Gli interventi di Maurizio Pistocchi, Mauro Bergonzi, Sandro Sabatini, Stefano Antonelli e Enrico Varriale a Radio Crc

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Maurizio Pistocchi, giornalista

“Purtroppo Valeri non ha beccato la serata ieri. Nel primo tempo c’era un rigore per la Juve perché Strinic spinge evidentemente Dybala. Probabilmente nell’intervallo qualcuno ha avvisato Valeri e nel secondo tempo ha fischiato un rigore che non c’era. Koulibaly non pesta Dybala è l’attaccante bianconero che cerca il contatto e poi al 67’ cambia la partita. L’uscita di Reina non è da calcio di rigore perché interviene sulla palla. Il Napoli ha iniziato molto bene la partita, ma nel secondo tempo la Juve ha giocato obiettivamente meglio.

Il silenzio stampa è un errore a prescindere perché non serve a nulla, ma non è giusto criticare Sarri per questo anche perché è la società che lo decide”.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Mauro Bergonzi, ex arbitro

“Juventus-Napoli è sempre stata una gara complicata. Il gol del Napoli è stato regolare ed è stato bravo l’arbitro di linea a non segnalare il fuorigioco di Callejon che non c’era. Sono d’accordo sul rigore dato a Dybala perché Koulibaly ha fatto fallo. Poi, ci poteva stare il rigore per il fallo di Pjanic su Albiol, ma probabilmente Valeri non era posizionato bene per vedere il fallo. Poi, da quel fallo parte un contropiede incredibile e il direttore di gara era dall’altra parte del campo. Su quell’intervento di Reina l’assistente non ha avuto la forza di aiutarlo. Reina tocca il pallone e non poteva sparire per cui non era calcio di rigore. Faccio un esempio: se un difensore qualsiasi entra in area per difendere e in scivolata tocca il pallone e poi abbatte l’avversario noi addetti ai lavori diciamo che non è rigore perché il difensore tocca prima il pallone. Valeri ha fischiato il rigore perché non vede nemmeno il tocco di Reina, vede solo il portiere che abbatte l’attaccante perché non era posizionato bene.

La Var? Io e De Marco, entrambi ex arbitri abbiamo due idee diverse dello stesso episodio, quello di Reina, per cui non esiste un regolamento, ma le interpretazioni. La Var non risolverà i problemi degli arbitri, ma la complicherà. La cosa più semplice, se sei davanti al video e devi aiutare l’arbitro, vedendo il tocco di Reina dici che non è rigore.

Quando ho commesso errori contro la Juventus? Sono stato fermato ma perché quando l’arbitro sbaglia viene fermato perché se poi nella successiva partita commette altri errori, vieni massacrato mediaticamente. Dopo quegli errori sono stato lontano dalla serie A un mese e mezzo ed ho arbitrato la Juve nuovamente due anni dopo”.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Sandro Sabatini, giornalista

“Il fallo di Strinic su Dybala non è rigore, ma se lo fischi non è uno scandalo ma una forzatura. Koulibaly su Dybala invece è rigore, dalle immagini live non si capisce, da un’inquadratura sembra che Dybala si tuffi e dall’altra si vede il piede di Koulibaly. Sul fallo di Albiol il discorso è lo stesso: il rigore lo avrei dato, ma necessita di più inquadrature e capisco i napoletani che non vedendo fermato il gioco e addirittura assegnato il rigore alla Juve si arrabbino.

L’arbitraggio di Valeri ieri non è stato privo di difetti, ma non ritengo sia stato vergognoso.

Continuo a pensare che le parole di De Laurentiis nel post Madrid siano state sbagliate nei tempi, ma allo stesso tempo giuste. A veder giocare Rog, sinceramente lo avrei fatto giocare di più anche perché il Napoli mi pare stanco. Ci sono state partite in cui il Napoli poteva concedersi un utilizzo maggiore della rosa senza intaccare il risultato.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Stefano Antonelli

“Ieri ho visto Juve-Napoli ed ho visto attentamente anche Napoli-Atalanta. La squadra di Gasperini sta bene, corre ed ha entusiasmo, ma qualcosa in quella partita del Napoli non mi ha soddisfatto perché per tenere testa all’avversario deve sempre giocare a mille. Il Napoli anche ieri una volta segnato, non mi ha dato l’idea di chi potesse vincerla.

Rog, Diawara e Zielinski sono mostruosi. A Madrid ho visto Diawara giocare con un’autorevolezza incredibile per cui il Napoli ha preso ottimi risultati. Sarri è un allenatore che vive del suo sistema di gioco e per entraci ci vuole un po’ di tempo.

L’unica cosa che ho sempre detto di Sarri è che gioca con pochi giocatori, ma lo stimo tantissimo, come uomo e professionista. Lui però sa anche che deve fare risultati e quando un allenatore a Napoli”.

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Enrico Varriale, giornalista

“Quello che è successo in campo è imbarazzante. La partita si è decisa quando non è stato concesso un rigore al Napoli per fallo su Reina, ma addirittura gliene viene dato uno contro. Il metro di giudizio di Valeri è stato imbarazzante perché gli arbitri possono sbagliare, ma il metro di giudizio, quello deve essere uguale. Se viene concesso il fallo su Dybala, non si può non fischiare il rigore su Albiol toccato da due bianconeri. Farebbe bene sentire gli arbitri a fine partita anche per capire Valeri cosa ha visto. Quando si vedono certe cose in partito e così importanti lo sconforto inevitabilmente c’è. L’introduzione della tecnologia è inevitabile, magli arbitri dovrebbero parlare per dare la possibilità a tutti di capire cosa vedono quando sono in capo”.

Il presente comunicato è stato inviato da Crc. Si declina ogni responsabilità dal contenuto dello stesso

Commenti

Questo articolo è stato letto 1394 volte