Sampdoria, Giampaolo: ”Mi manca battere la Juve, ma sono cannibali”

Sampdoria, Giampaolo: ''Mi manca battere la Juve, ma sono cannibali''Marco Giampaolo (agf) GENOVA –  “Mi manca battere la Juve e spero di sfatare questa tradizione negativa, ma allevano squadre che lottavano per la salvezza, ora è diverso”. Marco Giampaolo spera sia la volta buona: il tecnico blucerchiato non ha mai sconfitto la Juventus e spera di sfruttare l’ottimo momento della sua Sampdoria (17 punti nelle ultime 5 gare) per rompere questo tabù.

“SONO CANNIBALI” – Juventus che ha da poco conosciuto il suo (difficile) destino in Champions: i bianconeri se la vedranno contro il Barcellona. Un impegno che potrebbe mettere il campionato in secondo piano, non però secondo Giampaolo: “Di certo non avranno la testa al Barcellona. La Juve non conosce cali di attenzione, sono una squadra cinica, feroce e cannibale. Verranno qui con la miglior formazione possibile ma la Sampdoria farà la sua partita”. Servirà concentrazione per tutta la gara: “Il nostro obiettivo sarà stare dentro la partita per 95′ e per farlo ci vorrà anche la spinta dei nostri tifosi, ma dovremo meritarcela”.

“DUBBI SEMPRE, DUBBIOSO MAI” – Poche indicazioni sulla formazione: “Come diceva il mio insegnante a Coverciano, Franco Ferrari, ‘dubbi sempre, dubbioso mai’. Si sono allenati tutti bene”. Di certo tra i pali mancherà lo squalificato Viviano, al suo posto Puggioni. Giampaolo torna poi sul pesante ko dell’andata, dove fu criticato per aver lasciato a riposo i pezzi pregiati della formazione: “Io direi di passare oltre, perché noi quella settimana avevamo tre partite importantissime. Mettemmo in campo una formazione in grado di tenere al meglio, soprattutto fisicamente. E poi la Juventus in casa sua ha fatto 50 partite utili, quindi ci deve essere stato un esodo di massa prima e dopo per schivare i bianconeri”. Chiusura sul suo futuro, sempre più a tinte blucerchiate: “Siamo vicini all’accordo, siamo sempre stati molto vicini”.

sampdoria

serie A
Protagonisti:
marco giampaolo

Fonte: Repubblica

Commenti