Uva contro l’Antimafia: “Processo mediatico”

Uva contro l'Antimafia: "Processo mediatico"PALERMO – “Sulla vicenda-biglietti, che coinvolge la Juve, non siamo preoccupati: noi dobbiamo occuparci della giustizia sportiva. Però, mi sembra si stia facendo un processo mediatico; occorre che la giustizia ordinaria faccia il proprio corso con la massima serenità. Mi sembra che l’Antimafia stia facendo un processo molto mediatico e questo non fa bene nè al calcio, nè tantomeno all’Italia. Il calcio dà esposizione mediatica e questo è evidentemente in questo momento.  Juventus? Ci sono state delle attività che si sono svolte. C’è in atto una attività penale verso alcune persone dove la Juventus non esiste, non è coinvolta. C’è una attività della Procura federale, dove sono state violate delle norme. Siamo sereni, mi sembra che si stia alzando troppo il volume su una cosa banale e penso che i problemi dell’Italia e della Commissione Antimafia dovrebbero essere rivolti verso attività ben diverse da quelle dei biglietti ad una curva”.
Lo ha detto Michele Uva, dg della Federcalcio, a Palermo, dove stasera si disputerà la sfida per le qualificazioni mondiali fra Italia e Albania.

UVA: “COMMISSARIAMENTO LEGA A SAREBBE SCONFITTA” – “La Lega è una associazione privata di 20 associati, fa parte del sistema federale, la Federazione deve solo far rispettare le regole previste dallo statuto e dalle norme. Speriamo che tutto si metta apposto nel prossimo mese, siamo convinti che il commissariamento non sia una vittoria per il calcio italiano ma una sconfitta. Mi sembra che da ieri ci siano più parti che stanno dialogando tra di loro per trovare una soluzione condivisa, in modo tale che la parola commissariamento non entri presto nelle stanze della Lega”. Lo ha detto il direttore generale della Figc, Michele Uva, sulla spaccatura in Lega calcio di Serie A e l’ipotesi di un Commissariamento. “Io commissario? Lo escludo per una questione di serietà professionale. La federazione ha 500 persone che lavorano, è un movimento importante con tante iniziative da portare a termine. Io mi sto apprestando anche alle elezioni Uefa per entrare nell’esecutivo che vuol dire anche aumentare il proprio impegno a livello internazionale. Bisogna essere seri e concentrati, troppe cose bene non si possono fare. Continuo a pensare che non si arriverà ad un commissariamento”, ha concluso Uva a Sky.

calcio

inchiesta juventus-biglietti
Protagonisti:
Michele Uva

Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 242 volte