Sampdoria, Muriel: “Ho sentito uno strappo”

Luis Muriel si è infortunato con la Colombia e sta tornando in Italia per i controlli medici (Getty)

Il calciatore colombiano, prima di partire per l’Italia, ha parlato così del suo infortunio: “E’ una situazione che ho già vissuto, conosco le sensazioni e i sintomi e appena ho sentito il fastidio ho capito che era successo qualcosa di brutto”. Intanto a Bogliasco vittoria in amichevole con il Lugano

Giornata intensa per la Sampdoria di Marco Giampaolo, che a Bogliasco continua a preparare la prossima partita in programma contro l’Inter. Nelle prossime ore poi sarà importante capire le reali condizioni di Luis Muriel, infortunatosi nell’ultima partita della sua Colombia contro la Bolivia. L’attaccante è già tornato in Italia per sostenere le visite mediche al Laboratorio Albaro e le parole rilasciate al momento della partenza dal Sudamerica non sembrano rassicuranti: “Sono davvero triste – ha detto Muriel – stavo giocando bene e mi sentivo in forma in campo. L’infortunio purtroppo non mi ha permesso di continuare. E’ una situazione che ho già vissuto, quando il medico Ulloa mi ha chiesto cosa fosse successo gli ho detto che avevo sentito uno strappo. Conosco le sensazioni e i sintomi, appena ho sentito il fastidio ho capito che era accaduto qualcosa di brutto. Ora torno in Europa, effettuerò gli esami del caso per conoscere la gravità della lesione. Seguirò da casa il prossimo match e sicuramente i miei compagni faranno una gran partita”. Ora si attende il responso dei controlli medici.

Intanto quest’oggi i blucerchiati hanno preso parte a una partita amichevole contro il Lugano di Paolo Tramezzani e di Mirko Conte, sesto nella Super League svizzera. 2-0 il risultato finale per la formazione ligure, che ha così ottenuto buone risposte in vista della gara alla ripresa della Serie A. “Sotto il sole del Mugnaini – scrive il sito ufficiale del club – e di fronte ad un buon numero di tifosi festanti, una Samp priva di sette nazionali ha archiviato il discorso grazie alle reti di Budimir al termine di un’iniziativa personale in area e di Alvarez – il migliore in campo – si conquista una punizione sulla trequarti e la trasforma con l’ausilio del montante”. Per quanto riguarda la situazione in infermeria, oltre ai nazionali, in quattro non hanno preso all’amichevole con il Lugano: Angelo Palombo ha smaltito l’influenza ma è rimasto a riposo; Emiliano Viviano ha svolto lavoro specifico; programma differenziato anche per Patrik Schick e Lucas Torreira, impegnati tra piscina e terapie. Domani, domenica, la squadra resterà a riposo così come lunedì. L’appuntamento per la ripresa è fissato per martedì sempre a Bogliasco per cominciare a preparare la trasferta in casa dell’Inter.

Fonte: SkySport

Commenti