Genoa, Juric: “Con il Palermo è la partita della vita”

Genoa, Juric: "Con il Palermo è la partita della vita"Ivan Juric  GENOVA – “Contro il Palermo è la partita della vita”. Ivan Juric chiede il massimo al suo Genoa per chiudere definitivamente il discorso salvezza. All’andata a Marassi fu una partita pazza, vinta dai rosanero per 4-3, il tecnico croato vuole la rivincita: “Quel giorno fu un Genoa positivo per la prestazione. Pagammo due reti su calcio piazzato e un errore individuale  Questa è una gara che non possiamo sbagliare, inutili altri discorsi. Il campionato italiano è competitivo e nessuna squadra regala, non vedo vantaggi ad affrontare il Palermo, anche se è retrocesso. È una grande piazza, tornerà presto in Serie A”.

HO SEGNALI POSITIVI – Juric è, comunque ottimista: “È stata un settimana che mi ha soddisfatto per impegno e lavoro. Da quando sono tornato, i segnali ricevuti dal gruppo sono stati positivi. Dobbiamo sfoderare personalità, provare a forzare le giocate, mettere pressione agli avversari che, con l’arrivo di Bortoluzzi, mi pare che abbiano forse abbassato un poco il baricentro. Coprono molto bene gli spazi, ripartono con elementi dotati di grande velocità. Dobbiamo avere l’atteggiamento dimostrato con l’Inter. A partire dalla determinazione. In questi giorni abbiamo avuto il tempo per pensare alle cose”.

PALERMO MI EVOCA BELLISSIMI RICORDI – A Palermo arriveranno a premiarlo i soci del Genoa Club Pozzallo, località a sud della Sicilia, che gli doneranno una pergamena confezionata per il vincitore 2017 del concorso ‘Vivi il Genoà. “Il Genoa è una squadra speciale. Anche per il calore e il coinvolgimento con cui i tifosi vivono la loro passione. Al Ferraris domenica si è visto che tipo di ambiente possano creare. Ho bellissimi ricordi del periodo trascorso nella città di Palermo, quando facevo parte dello staff tecnico. Era una squadra forte e con ottimi giocatori, ma non riuscimmo a contribuire per evitare la caduta in B”.

genoa

serie A
Protagonisti:
ivan juric

Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 369 volte