I 5 motivi per cui CR7 vuole dire addio a Madrid

Ronaldo esulta per la vittoria della Champions a Cardiff (Getty)

La decisione di Ronaldo di voler lasciare il Real Madrid oramai non è più soltanto una voce isolata. Tante, infatti, sono le conferme che soprattutto dalla Spagna sono arrivate durante la giornata dopo l’iniziale indiscrezione di ‘A Bola ‘ che parlavano di un sentimento di indignazione incancellabile e di una scelta ormai “irreversibile”. Ma perché CR7 si è stufato della squadra più vincente al mondo? Quali sono le motivazioni alla base della sua scelta? Il quotidiano spagnolo ‘Marca ‘ prova a dare la risposta e per farlo ha individuato i cinque motivi che avrebbero spinto il pallone d’oro a prendere una decisione così drastica.

1 – Si sente pregiudicato per la denuncia di frode fiscale 

L’attaccante ha da subito ribadito la sua innocenza nei confronti della vicenda e il fatto che la denuncia lo abbia colto alla sprovvista dovrebbe bastare, a suo avviso, a dimostrare che ha sempre agito legalmente. Questo ha determinato la decisione di non tornare mai più a giocare in Spagna.

2 – Dal club non ha ricevuto l’appoggio atteso

Nonostante il comunicato stampa ufficiale diffuso dalla società che si dichiarava assolutamente convinta dell’innocenza del proprio attaccante, Cristiano Ronaldo non ha avvertito il sostegno che si aspettava dal Real e per questo si è sentito abbandonato.

3 – Sostiene che l’accusa non dovesse riguardare lui ma la società

Secondo il calciatore la causa del problema tra lui e l’Agenzia Tributaria è rappresentata proprio da una politica di mala gestione dei pagamenti da parte della società a seguito del cambiamento della Legge Beckam, nella quale fu inserito un compromesso per il quale parte della somma venisse, da quel momento in avanti, pagata attraverso una nuova operazione.

4 – Vuole sposare un nuovo progetto

Ha deciso di allontanarsi dalla Spagna per voltare pagina e scrivere un nuovo capitolo della sua vita. L’idea più allettante sarebbe quella di tornare al Manchester United, nei pensieri dell’attaccante già da tempo.

5 – Sostiene di essere stato considerato ingiustamente un ‘caso di illegalità’  

La rabbia di Cristiano Ronaldo non è rivolta solo al club, ma anche nei confronti della giustizia spagnola, rea secondo Cr7 di averlo preso di mira in quanto personaggio famoso e per far diventare il suo un caso pubblico di evasione fiscale. Va considerato, ad avviso del calciatore, che lo stesso Ronaldo aveva provato a risolvere volontariamente gli eventuali errori commessi nel precedente metodo di pagamento delle imposte utilizzato.

Situazione mercato

Il Real Madrid, che spera in una repentina risoluzione del problema, sarebbe comunque disposta a cedere il proprio giocatore qualora la posizione di quest’ultimo fosse irremovibile come qunto dichiarato dallo stesso. L’ostacolo per Ronaldo, a quel punto, sarebbe rappresentato dalle cifre dell’operazione per prelevarlo da Madrid. I Blancos valutano, infatti, la cessione del pallone d’oro con una quota pari a 400 milioni di euro. Richiesta che definire onerosa sarebbe un eufemismo. Spuntano subito le prime pretendenti Manchester United, che spera in un clamoroso ritorno del fuoriclasse e Paris Saint Germain.

Fonte: Sky

Commenti

Questo articolo è stato letto 228 volte