Gli interventi di Niccolò Ceccarini, Bortolo Mutti e Dario Marotta a Radio Punto Zero

NICCOLO CECCARINI, giornalista esperto di mercato, è intervenuto a Fuori Gara, su Radio Punto Zero, trasmissione in onda ogni giorno, dal lunedì al venerdì, dalle 13.30 alle 15, condotta da Michele Sibilla e Fabio Tarantino: “Insigne piace al Barcellona ma in questo momento gli obiettivi di mercato degli spagnoli sono altri, su tutti Coutinho e Griezmann. Keita è un giocatore da filosofia Napoli, è giovane ed emergente con ingaggio contenuto. Al Napoli piaceva per sostituire uno tra Insigne e Mertens, ora è difficile pensare possa arrivare in un reparto già ricco d’interpreti. Ad oggi la Juve e l’Inter sono in vantaggio. Chiesa continua a piacere ma è incedibile. Rulli è un portiere che piace molto, il Napoli voleva acquistarlo a cifre diverse rispetto alla clausola rescissoria. Ora la trattativa è un po’ ferma, credo che alla fine la soluzione più probabile sia Karnezis o la conferma di Sepe. Zapata? Pensavo potesse andare velocemente al Torino, poi s’è bloccato tutto per l’alta richiesta del Napoli. Giaccherini? Con lo Sparta Praga è tutto fermo, magari la trattativa ripartirà a breve ma ad oggi non ci sono novità. So per certo che il ragazzo a Napoli sta benissimo, non vuole andar via, anzi. Sarebbe dispiaciuto in caso di cessione ma con l’arrivo di Ounas sa bene che lo spazio s’è ulteriormente ridotto. Strinic andrà via non appena arriverà il rinnovo di Ghoulam”.
 
BORTOLO MUTTI, ex allenatore del Napoli, è intervenuto a Fuori Gara, su Radio Punto Zero, trasmissione in onda ogni giorno, dal lunedì al venerdì, dalle 13.30 alle 15, condotta da Michele Sibilla e Fabio Tarantino: “Conosciamo il calcio di Simeone, è aggressivo e speculativo. In quello di Sarri c’è molta più organizzazione, cambia lo sviluppo e i tempi di gioco. Sui ritiri sto con Sarri, non c’è dispersione di energie, non si perde tempo, si lavora sodo ma è ovvio che il calcio sta cambiando e si guarda anche all’aspetto economico. Sarri fa bene a frenare gli entusiasmi dei tifosi, conosce bene la piazza di Napoli ed è giusto mantenere un profilo basso. La Juve partirà favorita e tutte le altre partiranno alla grande. Non so come abbia fatto il Milan a fare così tanti acquisti ma con cambiamenti esasperati ci vorrà sempre tempo, alle prime difficoltà ci saranno dei mugugni perché le aspettative sono alte”.
 
DARIO MAROTTA, giornalista de Il Roma, è intervenuto a Fuori Gara, su Radio Punto Zero, trasmissione in onda ogni giorno, dal lunedì al venerdì, dalle 13.30 alle 15, condotta da Michele Sibilla e Fabio Tarantino: “La strategia del Napoli sul mercato è chiara, ha rinnovato il contratto ai migliori ed ha rinforzato l’organico. Ounas s’è inserito bene e mi aspetto tanto anche da Mario Rui. Mi aspetto qualche altra cosa, magari dopo il preliminare, soprattutto a destra con un’alternativa a Hysaj. In porta c’è poca chiarezza. Non riesco ad immaginare la convivenza tra Rulli e Reina, in quel ruolo la concorrenza non è mai positiva. Di sicuro l’argentino è un ottimo portiere. Giaccherini ha avuto due problemi a Napoli: la presenza ingombrante di Callejon, che è insostituibile, e poi un modulo che non esaltava le sue caratteristiche”. 
Fonte: Radio Punto Zero
Commenti