Napoli, Milik scalpita: col Bologna vuole una maglia da titolare

NAPOLI – Uno spazio da conquistare. Nel Napoli e in nazionale. E’ la sfida di Arek Milik che si è messo alle spalle la rottura del legamento crociato. Il match con la Danimarca di venerdì ha chiuso il capitolo più difficile della sua carriera: nel match d’andata s’infortunò gravemente. “Ma adesso è tutto superato”, ha spiegato. Il ct Nawalka lo ha schierato soltanto nella ripresa, ma il suo ingresso non è riuscito a cambiare le sorti di una partita segnata. La Polonia ha perso nettamente 4-0. “Siamo stati umiliati”, ha detto senza mezzi termini Milik. “Loro hanno giocato a calcio, noi di forza”.  L’attaccante si candida per il match di lunedì contro il Kazakistan. “Sono pronto al 100%, dipende soltanto dall’allenatore. Se vuole darmi spazio, io ci sono”. L’obiettivo è guadagnare una maglia da titolare e mettersi in mostra in modo da poter mettere in difficoltà Sarri in vista della trasferta di Bologna. Finora Milik è stato schierato titolare a Verona e ha ripagato la fiducia dell’allenatore con un gol. Il bomber intende ripetersi: il dualismo con Mertens sarà uno dei temi della stagione del Napoli e il tecnico azzurro dovrà essere bravo a dosare le forze già a cominciare dalla ripresa del campionato, considerando che poi c’è il debutto in Champions contro lo Shakhtar Donetsk.BUONE NOTIZIE DA HAMSIK – Il capitano non ha cominciato al meglio l’annata. Ha rimediato quattro sostituzioni in altrettante partite. La prestazione con la Slovacchia, invece, è un segnale positivo. Ha offerto un contributo decisivo per il successo con la Slovenia.

ULTIMO ALLENAMENTO A CASTEL VOLTURNO – La squadra si è ritrovata sabato mattina al centro tecnico per l’ultimo allenamento della settimana. Sarri ha concesso due giorni di riposo al gruppo: l’appuntamento è fissato martedì. L’allenatore valuterà con attenzione le condizioni di tutti i nazionali e poi deciderà la formazione anti-Bologna.

Fonte: Repubblica

Commenti