Del Piero-Davids, l’intervista doppia

Insieme per sette anni tra le file della Juventus, Alessandro Del Piero ed Edgar Davids si sono ritrovati a Milano negli studi di Sky Sport a poche ore dall’appuntamento di Champions League tra i bianconeri di Massimiliano Allegri e il Barcellona di Ernesto Valverde.

Dybala può diventare il nuovo Messi?

Davids: Dobbiamo smettere di mettere pressione su un giovane talento. Lasciamo che cresca tranquillo. Uno come Messi nasce una volta ogni 10-15 anni. La corona di nuovo Messi è molto pesante…

Del Piero: Giusto. Il fatto che ne parliamo deve gratificare Paulo, ma d’ora in avanti è importante che si costruisca come Dybala e non come Messi. Io aumenterei: uno come Messi nasce anche ogni 30 anni.

Chi porteresti della Juve di oggi nella vostra Juve?

Davids: Noi avevamo Zidane, ma penso che la forza della Juve sia sempre la squadra. Anche l’anno scorso erano bravi, ma è tutti insieme che giocano meglio. Anche uno come Dybala ha bisogno dei compagni. Tutto comincia dalla squadra. Questa è la forza della Juve.

Del Piero: Io… Buffon!

C’è un nuovo Del Piero?

Davids: Non penso, non solo come giocatore ma anche come persona. Uno che rimane fino alla fine con la stessa squadra.

Uno come Davids?

Del Piero: Parliamo di giocatori che hanno qualcosa di diverso. Lui, come Zizou, erano giocatori che hanno qualcosa di diverso in testa. Degli uomini squadra. Questo fa la differenza fra arrivare e arrivarci vicino. Lui si è sempre dimostrato un passo davanti agli altri. Pochi come Edgard hanno racchiuso qualità tecniche e dedizione.

Il miglior amico nel mondo del calcio?

Davids: Non guardo le cose così. Da giocatore ero molto concentrato sul calcio. Ora? Beh, oggi come oggi dove vado ci sono sempre amici di calcio. È il bello dello sport. Ovunque vai, arrivi e racconti le tue storie. Dall’Uruguay all’Italia: quando fai il calciatore incontri sempre le persone giuste.

Del Piero: Quello che ha detto Edgar è  vero. Ci sono ragazzi con i quali ho avuto dei rapporti più lunghi, ma la bellezza è proprio di scoprire anche oggi dei rapporti veri che avevi all’epoca. Ricordi adesso degli episodi e ci ridi ancora sopra. Ci stai male o gioisci. Sono ancora cose vere. 

Fonte: SkySport

Commenti