Pioli: “Bernardeschi? Nessun rimpianto”

Nel turno infrasettimanale la sfida contro la Juventus, la rivale storica. Tanta voglia di fare bella figura e dare seguito agli ultimi due risultati ottenuti per la Fiorentina di Stefano Pioli, che quest�™oggi ha presentato in conferenza stampa il match contro i bianconeri di Allegri.

Continuare sulla strada intrapresa dopo le ultime due vittorie consecutive e cercare un risultato di prestigio contro la rivale storica, la Juventus. La Fiorentina di Stefano Pioli è pronta ad affrontare i bianconeri di Allegri nella gara in programma domani, alle 20:45, all�™Allianz Stadium di Torino. Consapevolezza della difficoltà della sfida, ma anche fiducia per la squadra di Stefano Pioli, reduce dal netto successo esterno sul campo dell�™Hellas Verona e dalla vittoria al Franchi con il Bologna. L�™allenatore viola è intervenuto in conferenza stampa per presentare la gara di domani: “Senza dubbio ad essere determinante sarà la squadra �“ ha detto Pioli -. Sarà necessario lavorare bene in entrambe le fasi di gioco perché ci sarà da soffrire, ma noi siamo pronti. Dovremo giocare con personalità, rispettando la nostra identità, le nostre idee e le nostre posizioni. Il passaggio importante per la nostra prestazione sarà quello di mantenere bene la palla quando la recupereremo. Poi l’approccio sarà determinante, perché la Juventus partirà certamente a mille.  Se c’è una partita in cui bisogna fare qualcosa in più è proprio quella di domani sera, sia per l’importanza che ha, sia per la bravura dei nostri avversari. Dobbiamo andare oltre le nostre capacità. Ho avvertito che i ragazzi, anche quelli nuovi, hanno capito l’importanza di questa partita per la città. Sanno che tipo di gara è e saremo motivati, su questo non ci sono dubbi”.

Dybala pericolo numero uno

E tra i bianconeri spicca il magic moment di Paulo Dybala, reduce dalla tripletta dell�™ultimo turno di campionato contro il Sassuolo: “Lui è certamente il pericolo numero uno �“ ha proseguito l�™allenatore della Fiorentina -. Dybala è il giocatore più in forma della Juventus e ha grandissime qualità, però sarebbe sbagliato focalizzarsi unicamente su un singolo. Loro hanno tante armi a disposizione, per questo dobbiamo puntare a fare arrivare meno palloni giocabili agli attaccanti. Loro in casa hanno vinto entrambe le partite 3-0, quella bianconera è una squadra che fa bene tutto e che ha pochissimi punti deboli. Difendono tutti insieme e si sacrificano tutti, questo deve essere un punto di riferimento anche per noi. Stiamo lavorando proprio su questo aspetto”.

Bernardeschi, nessun rimpianto

Spazio anche al grande ex, Federico Bernardeschi: “Su di lui non ho rimpianti �“ ha chiarito Pioli -, quando sono arrivato la situazione. �ˆ un giocatore di qualità, ma i giocatori che ho adesso sono altrettanto forti. Se lo avevo sentito prima di arrivare? Sì, ma era stato un saluto veloce, di presentazione. Ci eravamo detti che ci saremmo risentiti più avanti, ma poi il telefonino non ha più squillato…”. Poi una battuta su Simeone e sul rapporto con la proprietà: “Simeone sta lavorando molto, dobbiamo trovare tempi migliori per servirlo, ma come in tante altre situazioni dobbiamo crescere ancora anche su questo aspetto. La proprietà? �“ ha proseguito l�™ex allenatore di Inter e Lazio –  La sento tutte le settimane. Sono molto vicini, sereni e vogliosi di iniziare un nuovo percorso. La cosa che mi piace è la volontà di provare a stare tutti uniti, una squadra giovane come la nostra può crescere meglio solo in un ambiente sano come questo”.

Saponara recupera

E in chiusura anche un�™indicazione sui convocati, Pioli recupera Riccardo Saponara: “La formazione? Vorrei pareggiare quello che ha detto Allegri: lui ha detto che non ci sarà Buffon e io dico che giocherà Sportiello. Saponara? Verrà convocato per la prima volta e il suo recupero mi fa molto piacere, non può ancora avere il ritmo dei compagni, ma ha fatto bene con la Primavera è il fatto che sia qui è già importante. Piano piano troverà il minutaggio ed avrà la possibilità di tornare in forma”.

Fonte: SkySport

Commenti

Questo articolo è stato letto 175 volte