Gli interventi di Alessandro Vocalelli, Sandro Sabatini e Ciro Venerato a Radio Crc

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Alessandro Vocalelli, direttore del Corriere dello Sport

“Andare in Inghilterra e voler giocare una partita a testa alta a Manchester, fotografa la maturità del Napoli. In ogni campo gli azzurri mettono in campo il loro calcio, giocano ovunque col proprio stile e indipendentemente dal blasone dell’avversario, il Napoli pensa soprattutto a fare la sua partita. 

Napoli e Juventus credo siano le squadre più forti e la Juve resta la formazione da cui il Napoli deve guardarsi maggiormente. I numero dei gol incassati è significativo, ma il campionato è lungo e la Juve è in fase di registrazione. Rispetto all’anno scorso, la squadra bianconera non dominerà il campionato perché il Napoli è cresciuto tantissimo raggiungendo livelli eccezionali”. 

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Sandro Sabatini, giornalista

“All’Olimpico nel secondo tempo il Napoli è stato costretto a stare nella propria metà campo e credo che questo può accadere anche a Manchester. Probabilmente in Inghilterra il Napoli non eccellerà nelle statistiche di possesso palla, ma quando riparte in contropiede è micidiale. Il Napoli aveva fretta di essere primo in campionato mentre non mi pare abbia la stessa fretta di affermarsi in Champions League e le motivazioni nel calcio sono fondamentali. L’Inter c’è per lo scudetto perchè non ha le coppe e poi sta andando tutto bene”. 

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Ciro Venerato, giornalista 

“Può darsi che Sarri domani farà un pò turnover contro il Manchester City. Non mi aspetto una rotazione massiccia, ma qualche titolare potrebbe riposare. Penserei molto alla partita con l’Inter perché dopo 9 turni si può chiudere a +5 su Juve e Inter ed è per questo che sposo le parole di De Laurentiis. Voglio battere l’Inter e farei anche riposare Mertens contro il City, ma mi rendo conto che Sarri non lo farà mai. Il Napoli può vincere lo scudetto e credo che più che l’anti-Juve in questo campionato si debba cercare l’anti-Napoli. 

Spalletti è un estate del calcio, come Sarri e Guardiola e non si accontenta solo di vincere, ma vuole divertire. Al momento non credo sia soddisfatto di come gioca l’Inter, ma ha una mentalità vincente”. 

I presenti comunicati sono stati inviati da Crc. Si declina ogni responsabilità dal contenuto degli stessi

Commenti