Un sorprendente Benevento fa soffrire la Juve. Magia di Ciciretti, poi decidono Higuain e Cuadrado

All’ Allianz Stadium la Juve soffre più del previsto per avere la meglio sul Benevento di mister De Zerbi, ultimo in classifica e alla ricerca ancora del primo punto. Le reti di Higuain e Cuadrado, alla fine, evitano che il Benevento rovini i 120 anni di storia del club bianconero. Allegri abbandona il campo infuriato per la prestazione dei suoi uomini che, comunque, hanno avuto diverse occasioni da rete e colpito due pali su due conclusioni di Douglas Costa. A passare in vantaggio è stato il Benevento con una magistrale punizione di Ciciretti dai 25 metri. Bella la conclusione del calciatore giallorosso che supera la barriera della Juve e lascia di sasso Szczesny.

I gol della Juve sono il frutto di una bella girata di Higuain che raccoglie una sponda di testa di Matuidi, e di un colpo di testa di Cuadrado che sfrutta un cross di Alex Sandro.  Per il Benevento resta il rammarico di vedere la classifica ferma ancora a zero punti. Sembra strano ma, nonostante la dodicesima sconfitta, è proprio da questa prestazione che gli uomini di De Zerbi devono ripartire. Cuore e grinta. Era quello che voleva vedere l’allenatore giallorosso e bisogna continuare con questo atteggiamento.

Il Benevento è sceso in campo con una difesa a tre composta da Djimsiti, Antei e Di Chiara. Centrocampo con Venuti e Lazaar sulle fasce e Chibsah e Viola centrali. In attacco, in appoggio ad Armenteros, Cataldi e Ciciretti.

Turnover, come annunciato in settimana, per gli uomini di Allegri. L’allenatore bianconero si è affidato ad un 4-2-3-1 formato da Szczesny tra i pali e una difesa con De Sciglio, Rugani, Chiellini e Alex Sandro. Centrocampo con Matuidi e Marchisio. In attacco Cuadrado, Dybala e Douglas Costa a sostegno di Higuain.

Commenti

Questo articolo è stato letto 1367 volte