Serie A, le migliori giocate della 13^ giornata

Mettiamo subito le cose in chiaro: Insigne parte in fuorigioco. Un fuorigioco di pochi centimetri che l’arbitro ravvisa subito dopo il palo (per le nuove indicazioni che hanno i guardalinee con i VAR, che consigliano di aspettare che termini l’azione prima di alzare la bandierina, così che gli arbitri al video possano in caso rettificare l’errore e assegnare comunque il gol) ma che non toglie nulla alla bellezza del gesto di Reina e a quello successivo, e conseguente, di Lorenzo Insigne.

Tra il momento in cui Reina blocca il pallone in uscita e quello in cui sempre lo stesso pallone colpisce il palo alla sinistra di Donnarumma passano nove secondi. Due, servono al portiere per leggere lo schieramento dei compagni e vedere lo scatto di Insigne. Uno, per coordinarsi e calibrare un rilancio che spiova alle spalle della difesa del Milan, schierata a centrocampo, e che finisca perfettamente sulla corsa di Insigne. Tre secondi servono al pallone per attraversare una settantina di metri di campo in volo. Altri due secondi sono quelli utili ad Insigne per capire che se avesse lasciato rimbalzare il pallone sarebbe schizzato lontano dalla sua traiettoria, e quindi controllarlo di controbalzo (possiamo dire che il suo è un controllo orientato di una difficoltà enorme). L’ultimo secondo è quello utile per guardare Donnarumma e calciare alla sua sinistra, sul palo.

Il controllo di Insigne è semplicemente fantastico, ancora più bello del già ottimo lancio di Reina. L’attaccante sta passando un grande momento di forma ed in questo momento è senza dubbio uno dei migliori giocatori del campionato. Sabato ha segnato il sesto gol al Milan e più in generale giocato un’altra grande partita, mettendo in crisi i rossoneri con i suoi continui tagli alle spalle della difesa. La destrezza con cui lui e Reina si connettono in questa azione racconta molto della possibilità del Napoli di creare azioni pericolose nel giro di pochi secondi grazie alla qualità dei propri interpreti e noi dovremmo essergliene grati.

La classe di Milinkovic-Savic e la forza di Jordan Lukaku

Fonte: SkySport

Commenti