Pizza, Will Grigg e imprese: che magia la FA Cup

Nient’altro che la magia della FA Cup, competizione dalle favole ricorrenti in ogni sua edizione. Basta soffermarsi sulla 137^ edizione della Coppa inglese leggendaria per storia e prestigio, torneo in grado di ribaltare equilibri e divari tra club dai valori agli antipodi. Poco importa della categoria di appartenenza: anche Davide indossa gli abiti di Golia, d’altronde chiunque può recitare la parte della big e avanzare nella competizione più antica di sempre. Il 3° turno di partite disputate nel pomeriggio ha regalato nuove storie da raccontare, protagonisti dalle piccole imprese che legittimano grandi sogni di gloria.

Che pizza, Chris!

Lo 0-0 strappato al Leicester, esito che pretende il replay a campi invertiti, regalerà una nuova ribalta al Fleetwood Town tra le mura degli ex campioni d’Inghilterra. Una piccola impresa quella della squadra del Lancashire, vincolata ai bassifondi della League One (terza divisione inglese) ma destinata ad un ulteriore tesoretto grazie agli incassi televisivi. Chissà se troverà il campo un grande ex come Jamie Vardy, spettatore d’eccezione poiché infortunato, lui che realizzò la bellezza di 34 gol in 40 partite con i biancorossi nella stagione 2011/12 prima d’imboccare la strada di Leicester. È invece la porta inviolata a fare le fortune del portiere di casa Chris Neal, 32enne cresciuto nel Preston: il clean sheet messo a referto esaudisce la promessa di Papa John’s, catena di pizzerie che rifocillerà gratuitamente per un anno intero il numero ‘1’ dei Fisherman. “Potrei persino condividere una fetta con uno dei nostri attaccanti qualora riuscissero a segnare”. Generoso, no?

Fonte: Sky

Commenti