Dal Gambia all’Uefa: la storia di Abu, l’emigrante calciatore che ha commosso anche Totti

ROMA – Lasciare gli affetti, perdere gli amici in mare, ricostruire una vita dopo aver visto svanire tutto lungo un viaggio dal Gambia alla Sicilia. A soli 16 anni Abubacarr Konta ha vissuto sulla sua pelle l’esperienza lacerante dell’immigrazione clandestina, ma è riuscito a mettersi alle spalle il dolore grazie al pallone. Il giovane africano, infatti, è uno dei 500 minori aiutato dal progetto ‘Rete!’ della Figc, un programma che prevede il reinserimento dei ragazzi dei centri d’accoglienza grazie allo sport: “Ho lasciato ilAbubacarr, il migrante che sogna di diventare un calciatore: la sua storia commuove anche Totti Fonte: Repubblica.it

Commenti