OBIETTIVO NAPOLI – Prosegue la cavalcata inarrestabile degli azzurri

Il capolavoro di Mertens, immagine di copertina della giornata, ha messo il sigillo sulla diciottesima vittoria, in ventidue gare, del Napoli che, dopo il successo nell’anticipo della Juventus, riacciuffa il primo posto e prosegue la sua cavalcata (quasi) inarrestabile.
Anche oggi gli azzurri hanno confermato solidità e consapevolezza nei propri mezzi, riuscendo a ribaltare una situazione iniziale negativa e domando un Bologna più insidioso del previsto. La squadra di Donadoni, infatti, qualche problema al Napoli è riuscito a crearlo, soprattutto grazie ai contropiedi e ai movimenti in velocità di Palacio, che hanno messo talvolta in difficoltà Chiriches, che oggi sostituiva Albiol. Ma nell’arco della gara gli azzurri hanno saputo annullare ogni velleità offensiva del Bologna, estromettendoli praticamente dal match con l’andare dei minuti.
Le difficoltà iniziali ed i buon primo tempo dei rossoblu, dimostrano come ormai il Napoli non abbia più bisogno di giocare benissimo per portare a casa i tre punti. E’ questa la forza della squadra di Sarri in questa stagione. Fino all’anno scorso, gli azzurri dovevano sempre esprimersi al meglio per avere la meglio sull’avversario di turno. Quest’anno, invece, l’undici partenopeo ha imparato a realizzare il massimo risultato con sforzi relativamente minimi. Le difficoltà della retroguardia nel primo tempo, sono state un’eccezione a fronte di un controllo difensivo quasi totale nelle partite degli azzurri. Il Napoli, almeno in campionato, non soffre più di amnesie estemporanee o di cali nel finale. La difesa è la sua forza e in virtù di essa può imbastire partite senza l’ansia di dover girare a mille in attacco. Lì davanti, tanto, le soluzioni non mancano, soprattutto ora che Mertens sembra essere ritornato ai livelli della scorsa stagione. Il Napoli aveva bisogno di ritrovare i suoi gol e la sua sfrontatezza nelle giocate. Con l’arrivo di Younes e, eventualmente, quello di Politano, Sarri potrà anche permettersi il lusso di pescare jolly dalla panchina, che possano dare una scossa laddove risulti arduo sbloccare un risultato. Ma quello che, in questo rush finale, sarà più importante sono i recuperi di Ghoulam e Milik. L’apporto che potranno dare quando torneranno sarà un fattore importante nella lotta scudetto. Milik sarà fondamentale perché potrà dare un’alternativa tattica fondamentale in attacco, garantendo peso e centimetri che al Napoli mancano e, in certe partite, possono servire. Il ritorno di Ghoulam, invece, sarà importante per ritrovare un’alta qualità della manovra. Mario Rui, finora, sembra non aver trovato l’intesa migliore con Hamsik e Insigne, cosicché il gioco sull’out mancino ha perso parte della sua incidenza.
In una lotta per il vertice così equilibrata, ritorni importanti o acquisti mirati potrebbero davvero fare la differenza per il raggiungimento del traguardo finale. Per il momento, impossibile pensare di pretendere di più da Sarri e dalla squadra, che stanno facendo un lavoro eccellente.

Commenti

Questo articolo è stato letto 2604 volte