Gli interventi si Andrea Orlandini, Giampiero Timossi e Ciro Venerato a Radio Crc

A radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Andrea Orlandini, ex centrocampista

“Fiorentina-Juve? Quando la Juve viene a Firenze i giocatori danno il 110%. Poi, la partita può prendere una piega o un’altra e sulla carta la Juve è più forte, ma non avrà vita facile. 

Il Napoli sta lottando con una grande Juve, ma sta disputando una stagione straordinaria. Simeone e Chiesa possono dare fastidio ai bianconeri e vedremo se la difesa della Juve reggerà. Poi, a centrocampo rientrerà Marchisio che ho visto molto bene. La Juve in più del Napoli ha una grande rosa”. 

A radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Giampiero Timossi, giornalista

“Pensare che Napoli e Juve le vincano tutte è impossibile anche perché si affronteranno nuovamente, a Torino. La Juventus ha l’abitudine a vincere ed è per questo che viene preferita nonostante la classifica, ma il Napoli oltre al campionato non ha altri obiettivi per cui la sfida è aperta. Il Napoli cresce costantemente su un elemento in particolare: il gioco. A Torino è più facile costruire una mentalità vincente perché ci sono meno pressioni, ma il Napoli sta dimostrando di sapersi isolare dalle interferenze e dall’entusiasmo della gente”. 

A radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Ciro Venerato, giornalista

“E se domani” di Mina è una canzone che potrebbe fare al caso del Napoli perché al di là del presente, pensiamo tutti al domani. 

Mertens non ha nulla di grave, non ha nessun problema di natura fisica. Il Napoli sperava che il fastidio alla caviglia passasse in fretta e invece ha creato un problema anche di gestione del giocatore giacche in una settimana si è allenato poco o nulla. Il colloquio di domani tra Sarri e Mertens sarà determinante, ma sono fiducioso e credo che alla fine il belga giocherà. Su Albiol ho meno certezze, però Sarri si fida molto di Chiriches e quindi se lo spagnolo non dovesse essere al top, non lo rischierà. 

Napoli-Lazio? Il Napoli resta favorito, ma non aspettiamoci una Lazio arrembante: non aggredirà gli azzurri, ma farà intensità a centrocampo per poi ripartire in contropiede”. 

I presenti comunicati sono stati inviati da Crc. Si declina ogni responsabilità dal contenuto degli stessi

Commenti

Questo articolo è stato letto 606 volte