Real-Juve LIVE, in campo Bale e Douglas Costa

LE FORMAZIONI UFFICIALI

Real Madrid (4-4-2): Keylor Navas; Carvajal, Vallejo, Varane, Marcelo; Casemiro, Modric, Kroos, Isco; Bale, Cristiano Ronaldo. All. Zidane
Juventus (4-3-3): Buffon; De Sciglio, Benatia, Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Pjanic, Matuidi; Douglas Costa, Higuain, Mandzukic. All. Allegri

Il Real Madrid è a un passo dall’ottava semifinale consecutiva di UEFA Champions League grazie a un 3-0 sul campo della Juventus, che per passare il turno dovrà compiere una rimonta esterna mai riuscita a nessuno al Santiago Bernabéu. Due gol di Cristiano Ronaldo (il secondo con una splendida rovesciata) e uno di Marcelo allo Juventus Stadium il 3 aprile hanno suggellato la virtuale qualificazione della squadra di Zinédine Zidane. Il 3-0 ha messo fine a un’imbattibilità casalinga della Juve in Europa che durava da 27 partite (cinque anni). Sarà la 21esima partita tra le due squadre. La 19esima si è giocata al National Stadium of Wales di Cardiff il 3 giugno 2017, quando il Real ha travolto la Juve per 4-1 aggiudicandosi la 12esima Coppa dei Campioni ed è diventata la prima squadra a vincere due edizioni consecutive della UEFA Champions League. È stata la seconda vittoria delle merengues in finale contro la Juventus dopo quella del 1998. La Juventus, tuttavia, ha battuto il Real nelle ultime quattro doppie sfide a eliminazione diretta ed è stata l’ultima squadra a eliminare gli spagnoli nella competizione, superando le semifinali del 2014/15.

PRECEDENTI

I 20 precedenti tra le squadre sono stati tutti in Coppa dei Campioni. La finale della passata stagione è stata la decima vittoria del Real contro i bianconeri, che contano invece otto vittorie e due pareggi. Il Real ha segnato in totale 25 gol, la Juventus 22. Nella finale dell’anno scorso, il Real è passato in vantaggio con Cristiano Ronaldo – che è così diventato il primo calciatore a segnare in tre finali di UEFA Champions League. La spettacolare rete di Mario Mandžukić ha però permesso ai Bianconeri di pareggiare poco prima della fine del primo tempo – il croato è invece diventato il sesto calciatore a segnare in due finali. Le reti nel secondo tempo di Casemiro (61′), ancora Ronaldo (64′) e Marco Asensio (90′) hanno infine regalato la vittoria al Madrid. La Juve all’84’ aveva perso per espulsione Juan Cuadrado – terzo giocatore a essere espulso in una finale di Coppa dei Campioni. La doppia sfida più recente invece risale alla semifinale del 2014/15, quando la Juve ha vinto complessivamente per 3-2. Le reti di Álvaro Morata – che aveva giocato con le Merengues la finale del 2017 – e Carlos Tévez hanno permesso alla Juve di vincere l’andata per 2-1 a Torino, nonostante la rete di Ronaldo. Nella gara di ritorno, il Real è passato in vantaggio con l’ennesimo gol di Ronaldo, ma la rete del definitivo 1-1 di Morata (57′) ha permesso alla Juve di tornare in finale dopo 12 anni. Nella fase a gironi 2013/14 il Real ha vinto 2-1 al Bernabéu grazie alla doppietta di Ronaldo nei primi 30 minuti di gioco. Nelle ultime nove partite tra le due squadre, la Juve ha collezionato solo tre sconfitte (V4 P2), ma due sono arrivate negli ultimi due confronti. Ronaldo ha segnato in tutte e sei le partite giocate contro la Juventus, realizzando nove gol in totale. La Juventus ha eliminato il Real negli ottavi del 2004/05, nella semifinale del 2002/03 e nei quarti del 1995/96, ma il Real ha vinto la sua settima Coppa dei Campioni a spese della Juve nel 1998. In quella finale, la rete di Predrag Mijatović al 66′ è infatti bastata al Real per aggiudicarsi la UEFA Champions League contro una Juve che schierava l’attuale allenatore del Real, Zinédine Zidane. Il Real non batte la Juventus in un doppio confronto dal secondo turno della Coppa dei Campioni 1986/87, quando entrambe hanno vinto 1-0 in casa. Gli spagnoli, però, si sono imposti 3-1 ai rigori nella gara di ritorno a Torino.  Le merengues hanno vinto cinque partite casalinghe su otto contro la Juventus, collezionando un pareggio e due sconfitte.

STATISTICHE REAL MADRID

 Il Real è ai quarti di finale di Coppa dei Campioni per la 35esima volta, più di qualsiasi altra squadra (V28 P6). Le merengues sono ai quarti per l’ottava stagione consecutiva, nuovo record del club. Hanno vinto gli ultimi sette quarti di finale e, con un’altra vittoria, eguaglierebbero la loro striscia di otto consecutive stabilita dal 1967/68 al 1988/89. I 12 volte campioni d’Europa hanno vinto 149 partite di UEFA Champions League. Con il prossimo successo, diventerebbero la prima squadra a collezionarne 150. Il Madrid ha vinto le ultime sei partite contro squadre italiane dopo il ritorno della semifinale del 2015 pareggiata 1-1 in casa contro la Juve. Negli ottavi della passata stagione, ha battuto l’SSC Napoli per 3-1 sia in casa che in trasferta. Anche se il Real ha eliminato l’AS Roma (2-0 t, 2-0 c) negli ottavi del 2015/16, in precedenza aveva perso otto doppi confronti consecutivi a eliminazione diretta contro squadre italiane. Il bilancio delle merengues in doppi confronti contro formazioni della Serie A è V12 S9. Il club spagnolo ha perso solo una delle ultime 13 partite contro squadre italiane (V8 P4), arrendendosi in casa della Juve nella semifinale di andata del 2015. Le merengues hanno vinto 34 delle ultime 40 gare interne di UEFA Champions League e hanno perso una sola volta – 4-3 contro l’FC Schalke 04 al ritorno degli ottavi del 2014/15 – ma hanno comunque passato il turno con un 5-4 complessivo. L’undici di Zinédine Zidane ha totalizzato sette punti in casa nella fase a gironi, battendo l’APOEL 3-0 e il Borussia Dortmund 3-2 e pareggiando 1-1 contro il Tottenham. Agli ottavi ha eliminato il Paris Saint-Germain con un 5-2 12 Real Madrid CF – Juventus Mercoledì 11 aprile 2018 – 20.45CET (20.45 ora locale) Cartella stampa Estadio Santiago Bernabéu, Madrid complessivo (3-1 in casa, 2-1 in trasferta). Ronaldo è diventato il primo calciatore a segnare in tutte e sei le partite della fase a gironi, per un totale di nove gol. Inoltre, ha segnato nelle due partite degli ottavi e all’andata dei quarti, prolungando il suo record di partite con gol e consolidando il primo posto nella classifica marcatori con 14 reti. L’unico giocatore che ha fatto di più è lo stesso Ronaldo, con 17 gol nel 2013/14 e 16 nel 2015/16. Il Madrid ha vinto 23 partite casalinghe su 32 contro squadre italiane (P3 S6). Il Real ha perso appena due delle ultime 28 partite europee. La sconfitta più recente risale al 3-1 in casa del Tottenham alla quarta giornata; 20 le vittorie e sei i pareggi. Tra i pareggi c’è quello nella finale del 2016 a Milano contro l’Atlético, anche se il Real ha poi vinto ai rigori. Il Madrid è uscito solo una volta su 32 nelle competizioni UEFA dopo aver vinto fuori casa all’andata. Ai quarti della scorsa stagione, si è imposto 2-1 in casa del Bayern e ha vinto 4-2 in casa ai supplementari. L’unica eccezione risale al terzo turno di Coppa UEFA 1994/95 contro l’Odense BK, con un successo esterno per 3-2 seguito da una sconfitta casalinga per 2-0. Il bilancio del Real ai rigori nelle competizioni UEFA è V2 S2: 5-3 contro Club Atlético de Madrid, finale di UEFA Champions League 2015/16 1-3 contro FC Bayern München, semifinale di UEFA Champions League 2011/12 3-1 contro Juventus, secondo turno di Coppa dei Campioni 1986/87 5-6 contro FK Crvena zvezda, quarti di Coppa delle Coppe 1974/75.

STATISTICHE JUVENTUS

Questo è il 18esimo quarto di finale della Juve in Coppa dei Campioni (V12 S5). Il bilancio della Juve in doppi confronti contro squadre spagnole è V9 S6. L’incrocio più recente risale alla vittoria complessiva per 3-0 contro il Barcellona in questa fase della passata stagione (3-0 casa, 0-0 trasferta). I bianconeri hanno già affrontato una spagnola in questa edizione. Nella fase a gironi, hanno perso 3-0 proprio contro il Barcellona alla prima giornata e pareggiato 0-0 a Torino il 22 novembre, portanto a cinque la striscia di partite consecutive senza vittorie contro squadre della Liga (P2 S3). La Juventus ha disputato 57 partite contro club spagnoli in competizioni UEFA, con un bilancio di V19 P15 S23 GF62 GS65. La sconfitta all’andata contro il Real è stata quella casalinga più pesante di sempre per la Juve, eguagliando il 3-0 subito contro il Manchester United FC nella seconda fase a gironi del 2002/03 e il 4-1 contro il Bayern alla sesta giornata del 2009/10. La Juve ha aperto questa stagione perdendo in casa del Barcellona ma è rimasta imbattuta nelle sette gare successive (V4 P3) prima dell’andata dei quarti, qualificandosi per la fase a eliminazione diretta grazie a un 2-0 in casa dell’Olympiacos FC alla sesta giornata. La Juve ha totalizzato quattro punti in trasferta nella fase a gironi, arrivando seconda dietro il Barcellona nel Gruppo D e pareggiando 1-1 in casa dello Sporting tra la sconfitta in Spagna e la vittoria in Grecia. Agli ottavi, è stata fermata 2-2 in casa dal Tottenham Hotspur FC ma si è qualificata grazie a un 2-1 esterno al ritorno. Lo 0-0 in casa del Barcellona ai quarti della scorsa edizione è stato l’unico mancato successo della Juve in sei trasferte nel 2016/17, con cinque gare senza subire gol e una sola rete al passivo contro le 12 segnate. La sconfitta al13 Real Madrid CF – Juventus Mercoledì 11 aprile 2018 – 20.45CET (20.45 ora locale) Cartella stampa Estadio Santiago Bernabéu, Madrid Camp Nou alla prima giornata di questa edizione ha messo fine a una striscia di imbattibilità europea che durava da sei partite. La Juventus ha vinto 3-1 in casa del Sevilla FC alla quinta giornata della scorsa edizione: è stata l’unica vittoria nelle ultime sette trasferte in Spagna. Il bilancio complessivo in casa delle squadre di Liga è V4 P6 S16. Questa è stata appena la seconda volta che la Juventus ha perso in casa all’andata nelle competizioni UEFA. L’altra risale ai quarti di Coppa dei Campioni 1962 contro il Madrid, quando ha vinto 1-0 fuori casa ma ha perso 3-1 nella gara di ripetizione a Parigi.

STATISTICHE GIOCATORI

Sergio Ramos salterà il ritorno per squalifica dopo l’ammonizione a Torino. Mateo Kovačić è diffidato. Ronaldo ha segnato 14 gol in questa Champions League, sei in più di ogni altro giocatore. Inoltre, ha effettuato 29 tiri nello specchio e 27 fuori bersaglio, altri primati stagionali nella competizione. Ronaldo ha segnato 26 gol nelle ultime 15 partite fra club nazionale, compresi i due nel recupero nel 2-1 tra Portogallo ed Egitto del 23 marzo. Con il Madrid è andato a segno in dieci gare consecutive. Prima del pareggio per 1-1 di domenica contro l’Atlético de Madrid, il Real Madrid aveva ottenuto sei vittorie consecutive in tutte le competizioni e vinto 11 delle precedenti gare, perdendo l’altra. Prima di domenica il Real aveva vinto le ultime cinque gare casalinghe fra tutte le competizioni, ma in precedenza aveva collezionato solo una vittoria e tre sconfitte in cinque partite. Il bilancio stagionale al Santiago Bernabéu è V14 P6 S4. L’undici di Zinédine Zidane ha segnato 30 gol nelle ultime otto gare interne fra tutte le competizioni. In questa stagione ha realizzato complessivamente 62 gol davanti al suo pubblico, subendone 28. Il Madrid ha chiuso a porta inviolata solo quattro delle ultime 21 gare fra tutte le competizioni (una delle ultime 11 in casa). Gareth Bale è a quota sei gol segnati nelle ultime cinque gare tra club e nazionale e ha realizzato 10 gol in 18 presenze con il Real Madrid nel 2018. La sconfitta per 1-0 del 27 febbraio contro l’Espanyol è stata la quinta stagionale per il Real in Liga. Nella vittoriosa stagione 2016/17 ne aveva subite complessivamente tre. Isco ha segnato la sua prima tripletta in carriera il 27 marzo nell’amichevole vinta 6-1 contro l’Argentina. Al suo fianco hanno giocato Marco Asensio, Dani Carvajal, Ramos e il subentrato Lucas Vázquez. Ramos ha collezionato la 150esima presenza in nazionale nell’amichevole contro l’Argentina, dopo essere sceso in campo anche quattro giorni prima contro la Germania (1-1). Il 22 marzo, Bale è diventato il capocannoniere di tutti i tempi del Galles con 29 gol grazie a una tripletta contro la Cina, superando i 28 di Ian Rush. Per un problema al bicipite femorale, Jesús Vallejo è stato assente dal 18 gennaio al 27 marzo, quando ha giocato per intero la gara tra Spagna ed Estonia Under 21 (3-1); il 31 marzo ha poi giocato 90 minuti nel 3-0 in casa del Las Palmas. Il 17 dicembre, il Madrid ha vinto la Coppa del Mondo FIFA per club per la seconda volta consecutiva (la terza in quattro anni) battendo i brasiliani del Grêmio FBPA per 1-0. A firmare la rete decisiva è stato Ronaldo, a segno anche in semifinale contro l’Al Jazira Club (2-1). Juventus Paulo Dybala è squalificato dopo il rosso dell’andata. Anche Rodrigo Bentancur è squalificato dopo il giallo dell’andata. Miralem Pjanić e Medhi Benatia sono tornati disponibili dopo aver saltato la partita di Torino per squalifica. Giorgio Chiellini e Alex Sandro sono invece in diffida. La vittoria del Real nell’andata è stata la seconda sconfitta della Juve in casa in 76 partite in tutte le competizioni (V64 P10); l’altra sconfitta è stato un 2-1 contro l’SS Lazio del 14 ottobre 2017. 15 Real Madrid CF – Juventus Mercoledì 11 aprile 2018 – 20.45CET (20.45 ora locale) Cartella stampa Estadio Santiago Bernabéu, Madrid La sconfitta per mano del Real ha interrotto la striscia di 25 partite senza sconfitte in tutte le competizioni (V21 P4) che durava dal 3-2 in casa della Sampdoria del 19 novembre. La Juventus si è imposta per 4-2 contro il Benevento sabato: Dybala è stato il grande protagonista con una tripletta. I due gol incassati dai Bianconeri eguagliano il bottino complessivo di gol subiti nelle precedenti 12 partite di Serie A. Il gol del difensore del Milan ed ex bianconero Leonardo Bonucci segnato il 31 marzo, è stato il primo subito dalla Juve in campionato nel 2018 in undici partite. La Juve, che ha poi vinto la partita per 3-1, nelle ultime 18 giornate di campionato ne ha incassati solo quattro. Lo 0-0 del 17 marzo contro la SPAL ha interrotto una striscia di 12 vittorie consecutive della Juventus in Serie A e di 11 successi esterni consecutivi in tutte le competizioni. È stata appena la seconda volta che i bianconeri non sono riusciti a segnare in campionato. Il gol di Khedira contro il Milan è stato il suo settimo segnato in Serie A, stabilendo il record personale a Torino. Alex Sandro ne ha firmati tre, eguagliando il suo primato dello scorso anno col club. Juan Cuadrado si è sottoposto a un intervento all’inguine il 30 gennaio e non giocava dal 23 dicembre, prima di entrare nella ripresa contro il Milan; nella partita d’andata ha invece giocato gli ultimi 15 minuti ed è poi sceso in campo per 58′ con il Benevento. Federico Bernardeschi non gioca dal 18 febbraio, quando si è infortunato al ginocchio nel derby contro il Torino FC (1-0). Benedikt Höwedes è assente da novembre per un grave infortunio alla coscia ed è stato escluso dalla lista di UEFA Champions League della Juventus, anche se è partito dalla panchina nelle ultime due gare di campionato. Buffon ha collezionato la 500esima presenza in campionato con la Juventus il 9 febbraio contro la Fiorentina. La Juve affronterà il Milan in finale di Coppa Italia il 9 maggio allo Stadio Olimpico di Roma. Per i bianconeri sarà la quarta finale consecutiva. Il 26 marzo, Massimiliano Allegri ha vinto la “Panchina d’Oro” come miglior allenatore della stagione precedente votato dai colleghi.

Fonte: Sky

Commenti