“Condotta impropria”, Pallotta deferito dall’Uefa

L’Uefa ha aperto un procedimento contro il presidente della Roma James Pallotta per i suoi commenti sulle decisioni dell’arbitro Skomina dopo la semifinale di ritorno di Champions League contro il Liverpool. L’accusa dell’Uefa è quella di “condotta impropria”. La commissione disciplinare dell’Uefa giudicherà il patron giallorosso il 31 maggio prossimo, dopo la finale tra il Liverpool e il Real Madrid. Pallotta aveva giudicato duramente alcuni episodi contro la sua squadra, tra i quali un rigore non concesso alla Roma per un fallo di mano del difensore del Liverpool Trent Alexander-Arnold nel secondo tempo del match. Il presidente giallorosso aveva sfidato l’Uefa a introdurre al più presto la Video Assistant Referees per gli episodi chiave: “Arbitrare così è ridicolo”, aveva detto. Il Liverpool ha conquistato la finale di Kiev (che si giocherà il 26 maggio prossimo) con una sconfitta per 4-2 al ritorno, dopo una vittoria per 5-2 ad Anfield nella gara di andata.

Fonte: SkySport

Commenti

Questo articolo è stato letto 486 volte