Diritti tv, udienza Sky-Mediapro: tempi brevi per decisione giudice

ROMA – Arriverà a breve, probabilmente nel giro di pochi giorni, la decisione del Tribunale di Milano sulla conferma (con o senza modifiche) o sulla revoca del provvedimento di sospensione d’urgenza, ottenuto da Sky il 16 aprile, del bando con cui l’intermediario Mediapro ha messo in vendita i diritti tv della Serie A per il triennio 2018-2021. E’ quanto è emerso al termine dell’udienza di discussione tra le parti, durata circa due ore, che si è tenuta stamani nell’ufficio del presidente della Sezione impresa Claudio Marangoni.

DECISIONI A GIORNI – Davanti al giudice si sono confrontati, in un’udienza definita “animata” da chi era presente, i legali della società spagnola (che chiede la revoca dell’ordinanza cautelare) e quelli dell’emittente satellitare (che ha presentato il ricorso d’urgenza ottenendo la sospensione). Da quanto si è saputo, dunque, il giudice Marangoni potrebbe depositare il provvedimento a inizio della prossima settimana. In linea teorica, anche già domani mattina, anche se pare poco probabile.

TRE STRADE DA PRENDERE – Tre le strade di decisione in questa fase cautelare: la conferma totale del provvedimento di metà aprile di sospensione d’urgenza, la conferma ma con alcune modifiche specifiche dell’ordinanza e che potrebbe spingere Mediapro a ritoccare alcuni punti del bando o, infine, la revoca dell’ordinanza che renderebbe di nuovo valido l’invito a offrire del gruppo spagnolo. In quest’ultimo caso bisognerebbe solo individuare un altro termine per la presentazione delle offerte. In ogni caso, dopo il deposito della decisione, la parte ‘sconfitta’ avrà 15 giorni di tempo per presentare reclamo e la palla passerà a un collegio di giudici. Si tratta sempre della fase cautelare, mentre solo in linea teorica si potrebbe arrivare anche ad un procedimento più lungo nel merito.

Fonte: Repubblica.it

Commenti

Questo articolo è stato letto 136 volte