Inzaghi: “Aggettivi finiti per i miei ragazzi”

Il Venezia è un sogno continuo, un moto perpetuo, ormai una certezza della B. Tre anni fa il club era fallito, senza neanche l’acqua negli spogliatoi. Oggi, dopo due promozioni di fila, raggiunge aritmeticamente i playoff per giocarsi la terza. Rivelazione assoluta, Inzaghi stra-felice: “Non riesco più a trovare gli aggettivi per descrivere questi ragazzi, stanno facendo delle cose che vanno oltre le mie previsioni”. Questo il suo commento su Sky Sport a fine gara, emozionato e felice. 

“Abbiamo fatto bene ad alzare l’asticella”

“Non pensavo arrivassero fino a questo punto – continua Inzaghi – Dobbiamo continuare così, nelle ultime partite abbiamo ottenuto soltanto vittorie. Soligo è una garanzia, è così, mi posso girare e lui sa fare tutto. E’ entrato e ha preso la punizione del gol”. Ennesima perla di Leo: “Su Stulac non so che dire, è un ’95, è stato un anno in panchina ad imparare. Oggi segna delle reti come questa”. 

“Ad agosto non mi aspettavo questo risultato”

Quinta vittoria consecutiva del Venezia, testa al secondo posto? “Io lo ripeto, faccio bene ad essere realista, perché non penso che crollino 3 squadre simili davanti a noi (Parma, Palermo e Frosinone). Ma noi dobbiamo continuare a fare bene, ad alzare l’asticella come abbiamo fatto. Ad agosto non mi aspettavo questo risultato,     questi giocatori meritano gli applausi”. Playoff da giocare per vincere: “Farò fatica a trovare una mia squadra che gioca per perdere – sorride Inzaghi – noi dobbiamo essere i rompiscatole della Serie B. Lo siamo diventati, ora i ragazzi ci credono, ho un gruppo che mi ha dato tante soddisfazioni, stanno dimostrando di essere all’altezza e non mi sorprendo. Questa vittoria è anche per un ragazzo della curva, Mattia. Sta male e spero torni presto coi nostri tifosi. Voglio fare anche i complimenti al Foggia, da gennaio a oggi è diventata una squadra vera, se avessero iniziato il campionato a gennaio sarebbero andati ai playoff meritatamente”.

Fonte: SkySport

Commenti

Questo articolo è stato letto 291 volte