Sterling in ritardo, Southgate lo perdona

Sempre Raheem Sterling, ancora Raheem Sterling. Al centro dell’attenzione dei media l’attaccante della Nazionale inglese, che continua a far parlare di sé dopo le pesantissime polemiche relative al fucile tatuato sul polpaccio destro. Il giocatore del Manchester City, infatti, dopo un permesso concessogli dal CT Gareth Southgate, è rientrato in ritardo nel ritiro dove l’Inghilterra sta preparando le ultime gare amichevoli in vista dei prossimi Mondiali di Russia. L’episodio si è verificato nelle scorse settimane: in Giamaica – suo paese d’origine – per motivi personali, Sterling sarebbe dovuto rientrare nella serata di martedì 22 maggio. A causa di alcuni problemi con le coincidenze aeree, l’attaccante si è presentato nel ritiro della Nazionale nella mattinata di mercoledì, con circa 12 ore di ritardo. Da qui la nuova bufera sui tabloid inglesi. Sterling, in ogni caso, ha subito provveduto a scusarsi con i compagni, che hanno accettato senza alcun problema le sue motivazioni.

Fonte: SkySport

Commenti