1986-2018: i migliori attaccanti dei Mondiali

Gary Lineker guida gli attaccanti anche per la percentuale di trasformazione, ovvero il rapporto tra gol e tiri, con un sorprendente 45,5%

Per capire la grandezza dell’esperienza mondiale del bomber inglese, utilizzo ancora il parallelo con Ciro Immobile, che sempre quest’anno ha avuto una percentuale di realizzazione del 26,3%.

Un attaccante al Mondiale sa che le sue chance per l’immortalità sportiva si concentrano in un mese e dev’essere in grado di trarne il massimo. Lineker non era comunque un imbucato alla tavola dei grandi bomber: era un centravanti d’area piccolo di statura ma letale negli smarcamenti. Con la maglia della nazionale dei Tre Leoni ha segnato 48 gol in 80 presenze, e nella sua carriera professionistica ha raccolto 238 realizzazioni.

Oggi, al Mondiale russo, dopo solo due partite Romelu Lukaku ha messo alle spalle del portiere praticamente tutti i tiri che hanno centrato lo specchio, con una percentuale dell’80% in entrambe le statistiche di precisione.

Chi sono i dominatori dell’area di rigore?

Klose, Ronaldo, Klinsmann, Lineker: tutti i grandi attaccanti del Mondiale hanno fatto razzia di gol dall’area di rigore. Miro Klose, ad esempio, ha segnato calciando dall’interno dell’area tutti i suoi 16 gol.

L’attaccante tedesco che ha giocato anche nella Lazio a volte dava l’idea di prevedere il punto di caduta del pallone in area, e aveva comunque la capacità di arrivare sulla palla prima del diretto avversario e di battere il portiere, a volte anche fuori equilibrio.

Fonte: SkySport

Commenti