Roma, maglie d’allenamento ispirate alla Nigeria

10 aprile 2018. È la data in cui nasce un grande rapporto, diventato sempre più intenso col passare delle settimane. All’Olimpico si gioca Roma-Barcellona, una serata epica per i colori giallorossi, con il 3-0 finale deciso dai gol di Dzeko, De Rossi e Manolas che vale la rimonta sui blaugrana e la qualificazione alla semifinale di Champions League. Nello stesso istante, a migliaia di chilometri di distanza, un telecronista nigeriano commenta in diretta il match e si lascia andare a una folle esultanza alle reti messe a segno dai ragazzi di Di Francesco. È in quel momento che tra la Roma e la Nigeria nasce una forte simpatia, con il club della capitale che in un tweet scrive: “Abbiamo prenotato i voli per andare a prendere Mark Otabor per Roma Tv”. La storia però non si ferma lì perché in occasione del Mondiale, con l’Italia costretta a guardare le avversarie dal grande schermo, l’account ufficiale della società giallorossa si schiera esplicitamente a favore della Nigeria postando un altro cinguettio: “Dato che l’Italia non sarà presente l’AS Roma sosterrà i propri calciatori e le Super Aquile”. In più ci aggiunge una serie di post divertenti, dal tre ruote nigeriano con il logo del club alle convocazioni emanate dal Ct, dando quasi l’impressione che a gestire la pagina sia uno dei social media manager della Nazionale africana. Adesso questo splendido binomio nato per caso si arricchisce di un ulteriore curioso e divertente dettaglio: la Nike ha infatti deciso di disegnare le maglie d’allenamento dei portieri della Roma ispirandosi proprio alle divise dei nigeriani, come si può notare dalle numerose immagini pubblicate dal profilo inglese del club di James Pallotta che scrive: “Un nuovo anno, un nuovo equipaggiamento. Da chi avrà preso la Nike questa meravigliosa idea?”. Oltre ai 9 acquisti già ufficializzati – a cui si aggiungerà il nuovo terzo portiere Fuzato, annunciato da Monchi in conferenza stampa – è questa la grande novità dei giallorossi per la nuova stagione che ha preso il via venerdì con le consuete visite mediche. E a proposito di volti nuovi c’è chi al primo allenamento ha già dato i primi segnali della sua classe: Justin Kluivert. Il figlio d’arte, prelevato dall’Ajax, ha mostrato le sue capacità sui calci da fermo con una splendida punizione infilata all’incrocio. Se questo è l’inizio, i tifosi romanisti possono già immaginare grandi cose.

Fonte: SkySport

Commenti