Milano, Pianigiani: “Penso alla terza stella”

Crescere in Europa, confermarsi in Italia. L’Olimpia Milano 2018-19 si è presentata al Forum con le ambizioni che accompagnano da anni il club di Giorgio Armani, quest’anno targato anche in campionato AX. Molti i volti nuovi come Nedovic, Brooks, Della Valle, BurnsMike James, l’uomo più atteso, con il suo passato da protagonista in NBA e in Eurolega. Confermati Cinciarini, Jerrells, Gudaitis, Bertans, Micov, Kuzminskas e Tarczewski, è tornato anche all’ovile Simone Fontecchio, lo scorso anno finito in prestito a Cremona. Secondo anno sulla panchina milanese per coach Simone Pianigiani, che lo scorso anno ha riportato sotto la Madonnina lo scudetto: “Partiamo da un clima positivo – ha detto l’allenatore dell’AX -. Oggi siamo 13 giocatori: per l’EuroLeague siamo quasi al minimo indispensabile, ma siamo anche una squadra che può assorbire anche gli acciacchi perché abbiamo una certa intercambiabilità, con elementi che possono ruotare su più ruoli e hanno tutti grande desiderio di stare qui. Io sono al secondo anno: venire qui è una grande motivazione, poi giorno dopo giorno respiri l’orgoglio di far parte dell’Olimpia e gli stimoli aumentano. Non voglio essere presuntuoso, magari non ci riuscirò, ma quando vinci lo scudetto numero 28 ti viene voglia di pensare alla terza stella. Anche questo motiva. Posso dirlo: mi sento a casa. Il confronto con Larry Brown? Ogni volta che arriva un personaggio come lui, il momento è di crescita. Lui ha visto e fatto tutto. La sua presenza ci arricchisce”.

Fonte: Sky

Commenti