Caso fasce, Tommasi: “Serve autorizzazione Lega”

Il caso delle fasce di capitano uniche per tutti continua a far discutere e adesso si arricchisce di un nuovo importante capitolo, forse quello decisivo. Dopo lo sfogo del calciatore della Fiorentina Davide Biraghi (“La fascia da capitano in onore di Davide Astori non si tocca. Se il Giudice sportivo vorrà multarci, pazienza. Vorrà dire che pagheremo le multe”), arrivano le parole di Damiano Tommasi, presidente dell’Assocalciatori: “La norma non dice che viene escluso l’utilizzo di altre fasce, ma che quest’ultima deve essere autorizzata dalla Lega Serie A. Sembra una stortura, ma questo significa che si può chiedere dunque di utilizzare una fascia diversa da quella unica prevista dal regolamento. Non so se la Fiorentina a questo punto abbia già fatto il passaggio in Lega di chiedere di poter usare una fascia propria, in quel caso sarà la Lega stessa a dare l’eventuale via libera”, ha dichiarato l’ex calciatore della Roma ai microfoni di Lady Radio. Secondo Tommasi, dunque, la vicenda relativa alla fascia di capitano personalizzata potrebbe risolversi chiedendo una precisa autorizzazione alla Lega.

Sanzioni in arrivo dal prossimo turno

Fasce di capitano uniche per tutti, il nuovo regolamento parla chiaro e il comunicato della Lega è stato solo l’ultimo avviso: “Il Giudice Sportivo, facendo seguito a quanto comunicato con CU n. 24 del 28 agosto 2018, in relazione al nuovo Regolamento delle divise da giuoco della Lega Serie A pubblicato il 25 agosto 2018 (CU n. 23), comunica che, essendosi verificate disomogeneità informative, le eventuali determinazioni conseguenti alla violazione delle sopra riportate prescrizioni verranno assunte dallo scrivente Organo, ai sensi del CGS, a partire dal prossimo turno del Campionato di Serie A Tim”, si legge nel conunicato. Secondo la nota ufficiale, dunque, a partire dalla prossima giornata di campionato arriveranno sanzioni per tutti coloro che non indosseranno la fascia di capitano autorizzata dalla Lega.

Fonte: SkySport

Commenti

Questo articolo è stato letto 624 volte