Francia, ex Saint-Etienne ucciso in una sparatoria

Voleva diventare un giocatore professionista, William Gomis, ma il suo sogno si è infranto a 19 anni. L’ex difensore delle giovanili del Saint-Etienne, società in cui è cresciuto e ha militato per cinque stagioni, è stato ucciso a colpi di kalashnikov nella notte tra domenica 9 e lunedì 10 settembre, in una sparatoria avvenuta a La Seyne-sur-Mer, vicino a Tolone. Nello scontro a fuoco è morto anche un quattordicenne, originario dell’est Europa. Secondo quanto riferisce l’Équipe, la polizia francese ha parlato di un regolamento di conti legato al traffico di droga. Sul posto sono stati ritrovati bossoli di diversi calibri. Il Var Matin scrive che gli attentatori sarebbero ancora in fuga. 

William Gomis: era arrivato al Saint-Etienne a 15 anni

“Il Saint-Etienne apprende con immensa tristezza della morte di William Gomis – si legge sul sito ufficiale del club transalpino – Il ragazzo era apprezzato dai compagni e dagli allenatori per le sue qualità umane. Tutti i dipendenti sono profondamente colpiti da questa morte improvvisa e porgono le più sentite condoglianze ai familiari”. Gomis, classe 1998, avrebbe compiuto 20 anni a dicembre. Era arrivato a 15 al Saint-Etienne per un percorso quinquiennale di formazione finito a giugno. La scorsa stagione il ragazzo ha contribuito alla promozione della squadra riserve dei “Verdi” nel campionato National 2, la quarta serie francese. William Gomis non è imparentato con l’attaccante Bafétimbi, oggi all’Al-Hilal, il quale lo ha voluto ricordare su Twitter: “Aveva solo 19 anni…Riposa in pace fratellino”.

Fonte: Sky

Commenti