Ampadu, snobbato dall’Inghilterra per pochi tocchi

Maurizio Sarri si sta godendo uno dei talenti più pregiati della Premier League: Ethan Ampadu. Classe 2000, è stato lanciato ad alti livelli da Antonio Conte e, dopo un ottimo precampionato, è stato confermato in prima squadra anche dall’ex allenatore del Napoli, anche se non ha ancora raccolto minuti in quest’inizio di campionato. Figlio d’arte – il padre Kwame è stato il primo ghanese a giocare per l’Arsenal e ora è il manager dell’Under 18 dei Gunners -, Ampadu è stato sempre considerato un predestinato per via delle sue qualità difensive e soprattutto per la sua maturità da veterano tanto che debuttò nella sua ex squadra di League Two, l’Exeter City, a soli 15 anni e 10 mesi. I paragoni per lui si sprecano da tempo, in particolare con David Luiz, a causa del club di appartenenza – della quale è tifosissimo fin da bambino -, del ruolo e della folta capigliatura, caratterizzata da lunghi dread a differenza del brasiliano. Eppure, le doti fuori dal comune del giovane centrale non sono riuscite a convincere tutti e nello specifico la Nazionale inglese. Debuttò, infatti, con l’Under 16 dei Tre Leoni nel 2015, ma, nonostante le raccomandazioni del suo ex allenatore ai tempi dell’Exeter, Paul Tisdale, non fu più preso in considerazione dalla Football Association.

Fonte: SkySport

Commenti