Girona-Barça a Miami, chiesto il sì alla RFEF

Un accordo firmato e concluso per i prossimi 15 anni, utile a promuovere il calcio spagnolo negli Stati Uniti. E’ questo il fulcro dell’intesa raggiunta tra la Liga e la società Relevent, pronte adesso a far disputare il match tra Girona e Barcellona, valido per la 26^ giornata del campionato spagnolo, all’Hard Rock Stadium di Miami. Le tre parti in causa sono tutte d’accordo sullo spostamento della partita, in programma il prossimo 26 gennaio 2019, ma serve al momento il sì della Federazione spagnola (RFEF). Il numero uno Rubiales non pare però così convinto di questa soluzione, come sottolineato nei giorni scorsi a Mailsport: “Non ho visto il contratto tra La Liga e Relevent quindi non posso dire molto, ma posso sottolineare come il presidente della FIFA, Gianni Infantino, voglia proteggere le competizioni nazionali di ogni paese. Un’amichevole non è la stessa cosa di una partita di campionato, non si può prendere una decisione come questa senza consultare la Federazione o i calciatori. Hanno aggirato tutti”.

Problema tifosi

Contrari alla possibilità di disputare la gara tra Girona e Barcellona negli Usa sono soprattutto i tifosi della formazione padrona di casa, che non avrebbero così la possibilità di assistere al match con i blaugrana. Per risolvere questa situazione, il club ha espresso l’intenzione di far volare gratuitamente 1.500 sostenitori a Miami, in modo che possano assistere alla partita. Gli abbonati che non abbiano intenzione di recarsi negli Usa, potranno invece ottenere uno dei 5.000 biglietti per la partita Barcellona-Girona che si giocherà al Camp Nou il 23 settembre.

Fonte: Sky

Commenti