Bologna-Udinese 2-1, Santander e Orsolini rimontano i friulani

BOLOGNA – Sei punti in una settimana per il Bologna di Inzaghi che, archiviata la prova incolore di Torino, infila un’altra vittoria casalinga dopo quella con la Roma. Ribaltata l’Udinese coi gol di Santander, migliore in campo, e Orsolini, entrato 3′ prima, e sotto gli occhi del presidente Saputo i rossoblù ritrovano una vittoria in rimonta che mancava da quasi un anno, 32 partite dopo il 2-3 di Verona del novembre 2017. L’Udinese parte bene e poi si spegne nella ripresa, sorpresa da un Bologna voglioso di ritrovare entusiasmo dopo un inizio di stagione grigio, e un rigore negato sullo 0-0 nonostante il Var.

Il tecnico conferma Nagy anche col rientro di Pulgar, i rossoblù iniziano soffrendo proprio in mezzo al campo, dove Mandragora e De Paul hanno troppa libertà di combinare e creare superiorità numerica. Concreta, perché a metà primo tempo ha già portato pericolosamente al tiro due volte l’ex Crotone e un’altra l’argentino. Il vantaggio lo firma però Pussetto, sul lancio di De Paul su cui Krejci si fa sorprendere. Scelto sulla sinistra al posto di Dijks, il ceco crea poco davanti (al fatturato solo un cross sulla testa di Falcinelli) e dietro va in apnea.

Dal canto suo, Pussetto aveva già sciupato lo 0-1 al 16′ a tu per tu con Skorupski, in un’azione che per i rossoblù sapeva di beffa. Mentre l’Udinese partiva in contropiede, infatti, lo stadio protestava dopo aver visto sul maxischermo le immagini del Var su un contrasto in area tra Troost e Svanberg, che Manganiello non ha giudicato da rigore nemmeno dopo l’analisi video. Il fischietto suggerisce che lo svedese abbia lasciato dietro il piede al momento del, netto, tocco del difensore e lascia correre.

Bologna-Udinese 2-1, Santander e Orsolini rimontano i friulaniIl gol del momentaneo pareggio di Santander Fonte: Repubblica.it

Commenti